Quantcast

Il Buongiorno di Cuneo24

Nel 1949 all'Hollywood Athletic Club vengono presentati i primi Emmy Awards

Cuneo. Il sole è sorto alle 7:50 e tramonta alle 17:34. Durata del giorno nove ore e quarantaquattro minuti.

Santi del giorno
San Bretannione, vescovo di Tomi.
San Palemone, anacoreta in Tebaide.
Conversione di San Paolo Apostolo.

Avvenimenti
1479 – La Repubblica di Venezia e l’Impero Ottomano firmano il Trattato di Costantinopoli.
1820 – Viene inaugurato a Firenze il Gabinetto Vieusseux.
1881 – Thomas Edison e Alexander Graham Bell formano la Oriental Telephone Company.
1949 – All’Hollywood Athletic Club vengono presentati i primi Emmy Awards.

Nati in questo giorno
Alicia Keys – Cantante raffinata dal crescente successo. La sua eccezionale bellezza si spiega facilmente quando si conoscono le sue origini familiari, la miscela di razza da cui ha avuto origine: la madre Terry Augello è di origine italiana e il padre Craig Cook è afroamericano. Il talento precoce per la musica e la voglia di esibirsi la portano sui palchi giovanissima, ad un’età quasi mozartiana. E’ ancora bambina quando affronta un’audizione per la parte di Dorothy in una produzione per bambini del “Mago di Oz” ma intanto non trascura lo studio del pianoforte alla prestigiosa Professional Performance Arts School di Manhattan. Alicia cresce ascoltando musica soul, jazz e il nuovo genere che va per la maggiore, l’hiphop. A quattordici anni scrive la sua prima canzone, “Butterflyz” che sarà scelta come una delle tracce per il suo album d’esordio; a sedici anni nonostante le occasioni di esibirsi davanti a un pubblico si facciano sempre più frequenti si diploma col massimo dei voti. Ad aspettarla c’è la Columbia University, uno degli atenei più prestigiosi d’America. Per ironia della sorte il maestro di canto la introduce a suo fratello Jeff Robinson che, poco prima dell’inizio dei corsi universitari le procura un contratto con la gloriosa “Columbia Records”. Ma qualcosa non funziona. Ad Alicia manca il tempo per dedicarsi agli studi universitari e le divergenze artistiche con l’etichetta discografica la convincono a mollare, convinta com’è che deve ancora trovare la sua strada, sperimentare le possibilità di cui è capace. Mentre lei compie diciannove anni, Clive Davis decano del music business di serie A, boss storico dell’Arista nonché l’uomo dietro ai successi di artisti del calibro di Aretha Franklin e Whitney Houston, cede la sua poltrona all’ex socio di Babyface – Mr.Antonio ‘L.A.’ Reid – e fonda la J Records, una scuderia nuova di zecca. In questo progetto ambizioso c’è spazio anche per Alicia. “Fallin'” è il suo brano di debutto: esce quasi in sordina ma trattandosi della traccia più rappresentativa del suo stile l’intraprendente Davis le procura visibilità convincendo Oprah Winfrey, celebre conduttrice USA, a ospitare la ragazza nel suo programma tv. Davanti al teleschermo per seguire le puntate di Miss Winfrey ogni sera si ritrovano qualcosa come quaranta milioni di telespettatori. La mossa si rivela azzeccata. All’indomani della puntata che presenta Alicia Keys il pubblico sembra riversarsi nei negozi per acquistare il suo primo album “Song in A minor”. In breve saranno sette milioni le copie vendute, foriere di innumerevoli copertine sui tabloid musicali, perenne permanenza in classifica, passaggi in radio: tormentone. Tutto quello che Alicia tocca si trasforma in oro. Il tour mondiale, l’apparizione al Festival di Sanremo, il brano “Gangsta Lovin'” cantato al fianco della rapper Eve, la struggente ballata “Impossible” scritta e prodotta per l’amica Christina Aguilera e i suggestivi videoclip. Con la sua musica ha saputo imporre uno stile personalissimo, sintesi dell’esperienza black degli ultimi trent’anni, anche grazie al pianoforte, denominatore comune della “formula Alicia Keys”. Festeggia 40 anni.
Eusébio (1942/2014) – E’ stato un calciatore portoghese, una leggenda del calcio non solo europeo. Considerato il giocatore portoghese più forte della storia, Eusébio da Silva Ferreira (è il suo vero nome) ha vinto il Pallone d’oro nel 1965. Nella classifica dei migliori calciatori del XX secolo, promossa nel 2000 dall’IFFHS (Istituto di storia e statistica del calcio, riconosciuto dalla FIFA), è al nono posto assoluto e al quinto nella graduatoria europea. Ha giocato dal 1960 al 1975 come attaccante nella squadra portoghese del Benfica con ben 317 reti in 301 presenze. Ha vinto 11 scudetti e una Coppa dei Campioni. In Nazionale ha collezionato 64 presenze con 41 reti ed è arrivato terzo ai Mondiali del 1966.

Eventi sportivi
1995 – Incontro/scontro di calcio tra Crystal Palace e Manchester United. Eric Cantona fu espulso ed un tifoso (stando alle sue dichiarazioni) gli gridò “torna al tuo paese”! Eric perse la testa e lo colpi con un calcio “alla kung fu”! dichiarò alla BBC nel 2011: “Per alcuni forse è un sogno prendere a calci quel genere di persone”. Matthew Simmons, il tifoso del Crystal Palace era legato agli ambienti del National Front.

Proverbio / Citazione
Guardati dalla primavera del gennaio.
“Non esiste una formula per la mia musica, è semplicemente radicata nel mio cuore e nella mia anima.” Alicia Keys