Quantcast

Esame di maturità 2021, si va verso il maxi-orale. Azzolina: “Si terrà conto dell’anno scolastico”

Il Partito Democratico osteggia questa soluzione, sostenendo come l'esame di Stato necessiti di "dignità" e come "almeno una prova scritta di italiano" vada fatta. Decisione entro fine gennaio

L’esame di maturità 2021 sarà esattamente come quello del 2020, con un’unica prova orale? Pare proprio di sì.

“C’è un forte orientamento a lasciare la maturità 2021 come lo scorso anno, ovvero un maxi-orale, con una stretta maggiore sull’ammissione all’esame per incentivare gli studenti a ‘stare sul pezzo'”, ha dichiarato Bianca Granato, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Istruzione al Senato. “Questo perché c’è una geografia delle aperture che ci sorprende: non è possibile riuscire a gestirla in modo unitario. La ministra Azzolina sta comunque procedendo a delle consultazioni. Il PD aveva proposto una prova scritta e una orale, ma dobbiamo poter dare certezza al personale scolastico e agli studenti”.

Proprio il Partito Democratico osteggia la soluzione del maxi-orale, sostenendo come la maturità necessiti di “dignità” e come “almeno una prova scritta di italiano” vada fatta.

La decisione sarà assunta nei prossimi dieci giorni: l’ordinanza sull’esame di maturità deve essere emanata entro il 31 gennaio.