Quantcast

“Da febbraio vaccino contro il Coronavirus presso il proprio medico di famiglia”: l’annuncio di Cirio

Fra circa 30 giorni dovrebbe partire un piano vaccinale di massa che tuteli la popolazione piemontese: oggi l'incontro decisivo con le associazioni dei medici di base

L’annuncio è pervenuto dal presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, nella mattinata di oggi, martedì 19 gennaio 2021: dalla metà del mese di febbraio i medici di famiglia potranno somministrare ai loro assistiti il vaccino contro il Coronavirus.

L’accordo sarà siglato nel pomeriggio odierno, a margine dell’incontro in programma alle 14 con le associazioni dei medici di base piemontesi e darà di fatto il via al piano vaccinale di massa.

“In Piemonte i medici di medicina generale sono 3.200 – ha dichiarato Cirio – e sono quelli che ci hanno permesso di vaccinare contro l’influenza stagionale circa un milione di piemontesi nel 2020. Con il vaccino anti-Covid utilizzeremo lo stesso meccanismo.

Intanto, a decorrere dal 30 gennaio, i medici di base inizieranno a vaccinare gli over 80 presso le strutture accreditate, mentre cresce l’attesa per il vaccino Astrazeneca, che dovrebbe ottenere l’ok dell’Aifa il prossimo 29 gennaio. Non si sa ancora quante saranno le dosi a disposizione del Piemonte, ma Cirio ha rivelato che le prenotazioni da parte del Governo sono state corpose.