Confcommercio Cuneo sui saldi: “Data inizio decisa da Regione dopo confronto con associazioni di categoria”

"Non è il momento ideale per alimentare polemiche sterili di posizione nei confronti di possibili associati, mentre l'intera categoria ha bisogno di poter lavorare a favore della clientela"

Dopo le polemiche sorte nelle ultime ore sui saldi in Piemonte e sul loro avvio a partire da giovedì 7 gennaio 2021, Confcommercio Cuneo ha dato voce a Roberto Ricchiardi, presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio-Imprese per l’Italia-della provincia di Cuneo.

Quest’ultimo ha dichiarato: “Stupisce leggere determinate dichiarazioni da parte di chi si propone di rappresentare categorie commerciali, in quanto la data d’inizio dei saldi invernali è stata decisa dalla Regione Piemonte, quindi non solo in provincia di Cuneo, sentite le associazioni di categoria del settore maggiormente rappresentative”.

“Abbiamo riaperto a inizio dicembre – ha aggiunto – senza sapere che avremmo nuovamente chiuso nei giorni immediatamente vicini al Natale e con una zona rossa terminata il 6 gennaio scorso.

Tuttavia, “non mi sembra il momento ideale per alimentare polemiche sterili di posizione nei confronti di possibili associati, mentre l’intera categoria ha bisogno di poter lavorare a favore della clientela. Affermo che, in base alla situazione epidemiologica, non siamo nemmeno certi di poter tenere aperti i negozi e fino a quale data, mentre le piattaforme dell’e-commerce della moda lavorano 24 ore su 24 e sette giorni su sette”.