Busca e Costigliole Saluzzo ricordano il 77° anniversario di Ceretto

Per la prima volta, a causa dell'emergenza sanitaria, la cerimonia avverrà in forma non pubblica

Si svolgerà in forma in forma non pubblica, quest’anno, a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, la celebrazione dell’anniversario dell’eccidio di Ceretto, avvenuto 77 anni fa, il 5 gennaio 1944, nella frazione situata fra Busca e Costigliole Saluzzo, i due comuni che per quei fatti ricevettero nel 2006 la Medaglia d’argento a Valore civile.

La Città di Busca e il Comune di Costigliole organizzano insieme la commemorazione, con i comitati locali dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani italiani) e dell’Ana (Associazione nazionale Alpini) e con l’associazione 5 Gennaio.

La celebrazione avverrà a Ceretto domenica 10 gennaio con la partecipazione dei due sindaci, Marco Gallo e Fabrizio Giacomo Nasi, e dei rappresentanti delle istituzioni, i quali alle ore 10 si troveranno nei pressi del monumento alla fermata di Ceretto e deporranno poi la corona d’alloro alla lapide dei Caduti in piazza Martiri della Libertà, cui farà seguito, alle 11, la messa nella parrocchia Santa Maria Maddalena in Costigliole.

Nell’eccidio furono uccisi 27 civili innocenti, rastrellati dai nazi-fascisti nei campi e nelle case e trucidati nella piazzetta della frazione al confine fa Busca e Costigliole.