Quantcast

Vacanze sulla neve di Limone Piemonte per Cuadrado e famiglia: il calciatore della Juventus non ha violato le norme del Decreto Natale foto

L'esterno colombiano della Vecchia Signora sta trascorrendo questi giorni di festa in valle Vermenagna, fra giri in motoslitta e giochi all'aria aperta con i suoi bambini. Polemiche sul suo spostamento, ma il giocatore ha rispettato tutte le regole

Sono giornate di svago e di riposo quelle che Juan Cuadrado, dinamico e talentuoso esterno della Juventus, si sta concedendo sulle nevi di Limone Piemonte, località alpina del Cuneese martoriata dall’alluvione di venerdì 2 e sabato 3 ottobre 2020.

Il sudamericano, insieme alla sua famiglia, si sta divertendo a suon di giri in motoslitta e giochi all’aria aperta con i suoi bambini, come documentato dallo stesso calciatore mediante alcune fotografie pubblicate sul suo profilo Instagram.

Fra l’altro, in queste ore è nata una polemica intorno alla permanenza di Cuadrado in valle Vermenagna, poiché il primo scatto che documenta la presenza del colombiano in loco risale al 24 dicembre, quando l’Italia era già totalmente in zona rossa e, come previsto dal Decreto Natale, gli spostamenti erano severamente vietati.

Una discussione che, tuttavia, non ha ragion d’essere, dal momento che l’arrivo del numero 16 della Vecchia Signora a Limone Piemonte risale a mercoledì 23 dicembre, quando il Piemonte si trovava ancora interamente in area gialla e, dunque, non c’erano limitazioni ai viaggi.

Sicuramente il funambolico laterale dovrà abbandonare la vallata ben prima del 7 gennaio, quando (si spera) la zona rossa sarà terminata, in quanto la preparazione della Juventus riprenderà a breve in vista della prima partita del nuovo anno contro l’Udinese: Cuadrado, espulso nel match del 22 dicembre contro la Fiorentina, non potrà esserci per via della squalifica rimediata, ma dovrà ugualmente allenarsi insieme al resto della rosa agli ordini di Andrea Pirlo, nel tentativo di contribuire, attraverso la sua professionalità e la sua esplosività, a risollevare il morale nello spogliatoio, dato che i campioni d’Italia si trovano attualmente a dieci lunghezze di distanza dal Milan, capolista della Serie A.