Quantcast

Tunnel di Tenda, sindaci e parlamentari uniti: “Si costruisca una galleria più in basso”

Questa mattina l'incontro (in presenza e da remoto) fra i sindaci dell'Unione Montana Alpi Marittime e i parlamentari della Granda. Presenti anche l'assessore regionale ai Trasporti, il presidente della Provincia e la segreteria tecnica del ministro Dadone

Si è tenuto nella mattinata di oggi, lunedì 7 dicembre 2020, l’incontro, in presenza e da remoto, fra i sindaci dell’Unione Montana Alpi Marittime e i parlamentari della provincia di Cuneo, andato in scena presso il municipio di Limone Piemonte.

Oggetto del rendez-vous la realizzazione di una nuova galleria verso la Francia, posizionata più in basso rispetto all’attuale tunnel di Tenda: a dibatterne erano presenti i senatori Marco Perosino e Giorgio Maria Bergesio, i parlamentari Chiara Gribaudo, Monica Ciaburro, Enrico Costa, Flavio Gastaldi e Flavio Di Muro (in rappresentanza di Ventimiglia), Federico Costamagna (segreteria tecnica del ministro per la Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone), l’assessore regionale ai Trasporti (Marco Gabusi), il presidente della Provincia Federico Borgna, il sindaco di Limone Piemonte (Massimo Riberi) e i suoi omologhi di Vernante (Gian Piero Dalmasso), Robilante (Massimo Edoardo Burzi) e Roccavione (Germana Avena).

Assente “giustificato” il senatore Mino Taricco, che si è preventivamente scusato con i diretti interessati, manifestando la propria intenzione di adeguarsi alla decisione che sarebbe stata presa.

Il primo cittadino limonese, Massimo Riberi, ha raccontato l’esito della riunione: “Non siamo sprovveduti, abbiamo chiesto di verificare la possibilità di realizzare un tunnel più basso, in quanto quello a monte, all’uscita, deve convivere con una frana attiva ancor oggi. Occorre effettuare un ragionamento in ottica futura, riprendendo una delle proposte che era già stata fatta in passato e non recepita ai tempi. A tal proposito, il presidente provinciale Borgna ha confermato la propria volontà di mettere a disposizione il progetto definitivo elaborato in quel periodo”.

I parlamentari, dal canto loro, si sono impegnati all’unanimità a chiedere al premier Giuseppe Conte di nominare un commissario ad hoc per il Tenda e si sono detti concordi con la proposta di creare una galleria più in basso rispetto al punto in cui sorge quella attuale, finanziandola con risorse provenienti direttamente da Roma.

Bisognerà prima, però, comprendere appieno i costi e le tempistiche preventivate, oltre alla linea di pensiero degli amministratori francesi, inevitabilmente coinvolti e toccati da questo progetto.