Seconda ondata Covid, il bilancio dell’Istat: boom di morti in Piemonte

L'incremento dei decessi nella nostra regione rispetto al lockdown primaverile è stato significativo: +98%

Il report dell’Istat sulla seconda ondata di Coronavirus, manifestatasi tra l’autunno appena archiviato e l’inverno attualmente in corso, e sull’incidenza della pandemia nella mortalità in Italia, non lascia spazio a dubbi: la nostra regione è stata fra le più bersagliate.

Come si legge sul sito dell’ANSA, “le aree più colpite sono state Valle d’Aosta (+139% contro il +71% di aprile), Piemonte (+98% contro il +77% di aprile), Veneto (+42,8% rispetto al +30,8% di aprile) e Friuli-Venezia Giulia (+46,9% vs +21,1%)”.

Per contro, l’incremento dei decessi di novembre è più basso della prima ondata solo in Lombardia (+66% a novembre rispetto al +192% di marzo e il +118% di aprile) e in Emilia-Romagna (+34,5% rispetto al +69% di marzo)”.