Quantcast

Saluzzo e il nome della nuova biblioteca: sono 123 le opzioni suggerite dai cittadini! foto

Nei prossimi giorni l'apposita commissione selezionerà una rosa ristretta di nominativi per la seconda e definitiva consultazione pubblica, tenendo presente le indicazioni di legge e le regole della toponomastica comunale

La comunicazione ufficiale giunge direttamente dall’ufficio stampa municipale: sono 123 i nomi che sono stati suggeriti via internet al Comune di Saluzzo per l’intitolazione della nuova biblioteca civica nell’ex caserma “Musso” di piazza Montebello 1.

Alcune proposte hanno raccolto decine di voti, ma la maggior parte di esse è pervenuta con un’unica indicazione. Così, nei prossimi giorni l’apposita commissione selezionerà una rosa ristretta di nominativi per la seconda e definitiva consultazione pubblica, tenendo presente le indicazioni di legge e le regole della toponomastica comunale. Ad esempio, le norme dello Stato escludono intitolazioni a personalità in vita o decedute da meno di 10 anni, oppure a chi ha già vie, piazze o strutture pubbliche intitolate in città.

La commissione per il nuovo nome della biblioteca sarà formata da personalità politico-amministrative e tecniche. In particolare, sono stati invitati tutti gli ex sindaci oltre all’attuale primo cittadino, un membro di Giunta, un consigliere comunale di maggioranza e uno di minoranza, due esponenti del Consiglio di biblioteca e due dipendenti del settore Cultura del municipio.

Sarà la stessa commissione a stabilire tempi, modalità di lavoro e criteri per giungere alla futura intitolazione. “Il processo di partecipazione dei saluzzesi per il nuovo nome della bibliotecaasseriscono in coro il sindaco Mauro Calderoni e l’assessore Andrea Momberto ha registrato un’adesione che ha superato ogni aspettativa e ci ha dimostrato l’attaccamento della comunità per la nostra ‘casa dei libri’. Sono emerse proposte interessanti, alcune anche inaspettate e sorprendenti. Il percorso per definire l’intitolazione sarà ancora lungo, ma dai tanti e stimolanti contributi pervenuti possiamo già essere sicuri che sarà un personaggio di spicco della cultura in senso ampio e che sarà significativo per la città e la sua storia”.