Quantcast

“No a veglioni, botti e petardi”: l’appello del sindaco di Saluzzo

Il primo cittadino, Mauro Calderoni: "I saluzzesi hanno tenuto sempre un atteggiamento responsabile e resiliente. Sono sicuro che questi comportamenti caratterizzeranno anche la notte di San Silvestro"

Il sindaco di Saluzzo, Mauro Calderoni, ha rivolto un messaggio ai suoi concittadini in vista del Capodanno: “Siamo giunti alla fine di questo anno eccezionale e drammatico. Come ho già avuto modo di sottolineare in altre occasioni, i saluzzesi hanno tenuto sempre un atteggiamento responsabile e resiliente. Sono sicuro che questi comportamenti caratterizzeranno anche la notte di San Silvestro”.

In particolare, il primo cittadino ha ricordato che, come previsto dalle normative nazionali sulla zona rossa,sono vietate le feste e i ritrovi. La situazione dei contagi, infatti, non è ancora sotto controllo e anche se l’avvio delle vaccinazioni ci consente di guardare con speranza ai prossimi mesi, servono ancora e sempre atteggiamenti responsabili: bisogna mantenere il distanziamento sociale evitando gli assembramenti, indossare sempre la mascherina e lavarsi spesso e con cura le mani. Facciamolo, innanzitutto, per le persone più fragili come gli anziani che sono i nostri nonni e i nostri genitori, ma anche per i nostri giovani, in modo che da gennaio possano tornare in classe in sicurezza per imparare, socializzare, maturare”.

Infine, Calderoni ha rinnovato il tradizionale appello a contenere botti e petardi, specie se di dubbia provenienza: sono pericolosi e fonte di sofferenza e paura per i neonati e per gli animali domestici. Usiamo, invece, materiale autorizzato, sicuro e non rumoroso. Buon 2021, Saluzzo. Auguri a tutti noi saluzzesi”.