Il giovanissimo pasticciere fossanese Elia morto il giorno di Natale

Il 22enne si era diplomato alla Scuola salesiana delle Arti Bianche a Savigliano, da tre anni lavorava nella storica pasticceria Giuffrida di Fossano

Più informazioni su

Fossano. Elia Abrate, 22 anni, da un anno lottava contro il tumore.

Ieri, il giorno di Natale, è mancato nella sua casa di Fossano circondato dall’affetto della sua famiglia.

Diplomato alla Scuola salesiana delle Arti Bianche a Savigliano, da tre anni lavorava nella storica pasticceria Giuffrida di Fossano con il sogno di aprire un’attività tutta sua.

Il titolare della pasticceria Antonio Giuffrida lo ha ricordato così: “In un giorno così speciale… non ci dovevi abbandonare… ti ho veramente voluto bene sei stato un vero amico come un figlio e so che avevi grande stima di me e con una vera passione per il lavoro, vorrei dirti tante cose. Ciao mio amico, RIP”.

Anche il primo cittadino Dario Tallone ha rivolto il suo personale ricordo del giovane: “Giornata triste per la nostra Fossano: ieri è volato in cielo Elia, un giovane che lavorava in una rinomata pasticceria fossanese. Voglio ricordarlo con il sorriso che l’ha sempre contraddistinto e la sua voglia di combattere contro una terribile malattia che purtroppo ha avuto la meglio.
Un abbraccio alla famiglia a nome di tutta la città.”

Elia lascia i genitori Gianalberto e Patrizia, i fratelli Jacopo, Andrea e Gaia Maria.

I funerali saranno celebrati lunedì 28 dicembre, alle ore 10.30, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria del Salice a Fossano.

Più informazioni su