Dirigenti vincono causa contro il Comune di Mondovì, che dovrà sborsare circa 73mila euro

L'annuncio è giunto nel corso del Consiglio comunale che si sta svolgendo in questi minuti con la modalità della videoconferenza

La notizia è giunta nel corso del Consiglio comunale che sta andando in scena in questi minuti con la modalità della videoconferenza: il Comune di Mondovì ha perso una causa contro quattro suoi ex dirigenti e un suo attuale dirigente e dovrà sborsare circa 73mila euro.

Questo perché, tra il 2013 e il 2016, quando il sindaco del capoluogo monregalese era Stefano Viglione, l’amministrazione non ha adottato la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi assegnati.

L’ente cittadino non risulta coperto assicurativamente, come rivelato dal sindaco, Paolo Adriano: “Le polizze sono state attivate il 30 giugno 2018, mentre i fatti contestati sono riferibili a un periodo precedente. Un giudice ha individuato un comportamento non legittimo e contrario ai regolamenti”.

Chiamati in causa, i consiglieri di minoranza Luciano D’Agostino e Guido Tealdi, assessori durante il periodo amministrativo oggetto di contestazione da parte dei dirigenti, hanno affermato di non avere gli strumenti conoscitivi atti a formulare una risposta soddisfacente e di non ricordare con esattezza cosa fu contestato al Comune.