Coronavirus, arriva il farmaco per l’immunità immediata? Test in corso nel Regno Unito

Secondo quanto riferito dal Guardian, la terapia proteggerebbe dal virus per un periodo compreso fra i 6 e i 12 mesi e potrebbe salvaguardare l'umanità in attesa della vaccinazione

Più informazioni su

L’indiscrezione rimbalza direttamente dal Regno Unito e ha come fonte primaria l’autorevole testata giornalistica d’Oltremanica “The Guardian”: gli scienziati britannici sono al lavoro per sperimentare un nuovo farmaco che potrebbe impedire a chi è stato esposto al Coronavirus di sviluppare la malattia.

La versione italiana della notizie è stata riferita dall’ANSA, che precisa che tale terapia con anticorpi conferirebbe un’immunità immediata e potrebbe essere somministrata come trattamento d’emergenza a pazienti ospedalizzati o a categorie a rischio. Il farmaco è stato sviluppato in tandem da University College London Hospital (Uclh) e AstraZeneca”.

In particolare, l’auspicio è quello di riuscire a dimostrare la totale protezione dall’infezione da Covid-19 per un arco temporale incluso fra i 6 e i 12 mesi. Se tutto andrà per il verso giusto, tale farmaco potrebbe essere disponibile addirittura a partire da marzo-aprile 2021.

“Il vantaggio di questo medicinale è che dà anticorpi immediati – spiega Catherine Houlihan, virologa dell’Uclh –. Potremmo dire ai partecipanti alla sperimentazione che sono stati esposti: ‘Sì, puoi avere il vaccino’. Ma non potremmo assicurare loro che li proteggerà dalla malattia, perché ormai è tardi: i vaccini attuali non conferiscono immunità prima di un mese”.

Più informazioni su