Controlli di Natale affidati a 70mila unità di polizia. Lamorgese: “Dobbiamo evitare la terza ondata”

Il ministro dell'Interno ha parlato ai microfoni di Sky Tg24: "Dobbiamo stare davvero attenti, perché l'esperienza di quest'estate non è stata un'esperienza positiva"

I controlli di Natale ci saranno e non sarà neppure così difficile incappare in uno di essi, secondo quanto asserito ai microfoni di Sky Tg24 dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese: “Ci saranno forze di polizia in numero elevato in tutta Italia. Parliamo di circa 70mila unità, che saranno addette a questo tipo di controllo.

La loro attività avrà luogo “con senso di equilibrio, perché dal momento in cui teniamo aperti i negozi, lo facciamo per salvaguardare un certo tipo di economia. Ma serve anche che i titolari pongano in essere le precauzioni per non fare entrare più persone nello stesso momento”.

Pugno di ferro alle frontiere e negli aeroporti: “Dobbiamo stare davvero attenti, perché l’esperienza di quest’estate non è stata un’esperienza positiva. Dobbiamo evitare una terza ondata”.

Per quanto attiene al 25 dicembre, “sarà un Natale di sacrifici, dovremo convivere con alcune limitazioni alla nostra mobilità anche tra Comuni, oltre che tra regioni. Proprio nel periodo natalizio dovremo allontanarci dalle nostre tradizioni, dal Natale tutti insieme. Un sacrificio necessario, che ci consentirà poi di affrontare l’anno nuovo in maggiore sicurezza”.