Bando per l’asta pubblica di concessione dei diritti demaniali esclusivi di pesca 2021-2025

Il bando di gara e il disciplinare sono pubblicati sul sito della Provincia di Cuneo. Offerte da giovedì 3 dicembre a lunedì 18 gennaio 2021 (ore 12)

Più informazioni su

La Provincia ha pubblicato il bando di gara e il disciplinare per l’asta pubblica di concessione dei diritti demaniali esclusivi di pesca per il quinquennio 2021-2025 di cui l’ente è titolare su numerosi tratti di corsi d’acqua della Granda. Il 31 dicembre sono, infatti, in scadenza tutte le concessioni relative ai diritti di pesca e il Consiglio provinciale della settimana scorsa ne ha approvato il rinnovo. Le offerte dovranno pervenire all’Ufficio Caccia, Pesca, Parchi e Foreste della Provincia da giovedì 3 dicembre a lunedì 18 gennaio 2021 entro le ore 12. L’apertura dei plichi avverrà il giorno successivo, martedì 19 gennaio 2021 alle 10 la Sala Giolitti del palazzo della Provincia a Cuneo.

“Con il rinnovo delle concessioni dei diritti demaniali di pesca – spiega il consigliere provinciale Roberto Passone – la Provincia ricostituisce le condizioni ottimali per permettere l’attività di pesca dei tantissimi appassionati, circa 10 mila persone, che frequentano le acque della Granda notoriamente pulite, salubri e ricche di ittiofauna”.

L’asta pubblica riguarda, in sintesi, cinque lotti per un totale a base d’asta di 51.835 euro. Il primo lotto è il più consistente (prezzo a base d’asta 33.908 euro) ed è costituito dai seguenti tratti: torrente Cevetta per il tratto scorrente nei comuni di Ceva-Priero-Montezemolo e Sale Langhe; fiume Tanaro da Barchi di Ormea al confine del territorio di Garessio con Priola; torrente Corsaglia per il tratto scorrente nei comuni di Torre Mondovì, Vicoforte, San Michele Mondovì e Montaldo Mondovì (solo sponda destra nel tratto a confine del comune di Frabosa Soprana; torrente Corsaglia per il tratto scorrente nei comuni di Roburent e Frabosa dalla foce del Rio Borello a quella del Rio Scarrone, solo sponda destra; fiume Tanaro dalla confluenza dello Stura nel Tanaro alla chiusa della bealera Mussotto e dalla confluenza del torrente Seno d’Elvio a valle, nei comuni di Alba, Barbaresco e Neive; fiume Tanaro per il tratto scorrente nel comune di Govone; fiume Stura dal confine tra i comuni di Salmour e Cherasco sino a 500 metri a monte del ponte della ferrovia Bra-Cherasco; fiume Stura dall’incile canale Pertusata al confine Salmour-Cherasco; fiume Tanaro per il tratto scorrente in Carrù e Clavesana dallo sbocco del torrente Pesio allo sbocco del Fosso Garino; torrente Ellero nel tratto dalle sorgenti alla confluenza con il torrente Lurisia; torrente Ellero nel tratto dalla diga Borgato a Bastia Mondovì; torrente Josina nel tratto scorrente nel territorio del comune di Peveragno; torrente Pesio dal ponte della strada Crava Morozzo e Rocca de’ Baldi allo sbocco del Pesio nel Tanaro (escluso per divieto pesca il tratto dell’Oasi faunistica regionale di Crava-Morozzo); fiume Stura dal traliccio dell’alta tensione a valle sino al ponte sulla statale 28 Fossano-Mondovì nei Comuni di Sant’Albano Stura e Fossano; fiume Stura dal confine comunale di Demonte, a valle, sino al ponte di San Menbotto nel comune di Moiola; fiume Po dalla confluenza del torrente Pellice a valle sino al confine col comune di Carmagnola nei comuni di Faule, Polonghera e Casalgrasso.

Il secondo lotto (prezzo a base d’asta di 8.331 euro) riguarda i seguenti tratti: torrente Varaita nel tratto scorrente a valle del bacino di Pontechianale fino al bacino idroelettrico di Sampeyre; torrente Varaita per il bacino idroelettrico di Sampeyre. Il terzo lotto (base d’asta 3.745 euro) è costituito da un unico tratto del torrente Varaita del bacino idroelettrico di Pontechianale e tratto dell’affluente Varaita, a monte del bacino, sino alla borgata di Chianale. In quarto lotto (base d’asta 1.180 euro) è costituito dal tratto del fiume Stura tra il ponte di Sant’Albano Stura della statale 28 e il ponte del raccordo autostradale che collega l’abitato di Fossano all’autostrada Torino-Savona fino all’incile del Canale Pertusata. Infine, il quinto lotto (base d’asta 4.669 euro) è rappresentato dal tratto del torrente Varaita nel tratto scorrente dal ponte di Valcurta (sulla strada provinciale 8 all’altezza del bivio per Valmala) nel comune di Brossasco a valle fino al ponte ferroviario all’altezza di Costigliole Saluzzo. L’aggiudicazione avverrà, per ogni singolo lotto, con il metodo delle offerte segrete alla pari o in aumento sul prezzo a base d’asta; non sono ammesse offerte al ribasso. Nel caso in cui una gara andasse deserta per uno o più lotti, la gestione passerà direttamente alla Provincia di Cuneo.

L’avviso di gara è pubblicato sul sito internet della Provincia di Cuneo accessibile al link https://www.provincia.cuneo.gov.it/tutela-faunistica-ambientale/index.

Più informazioni su