Vicoforte, il consigliere di minoranza Gasco: “Perché permane l’isola pedonale al Santuario in questo periodo d’emergenza?”

L'ex primo cittadino vicese, oggi fra i banchi dell'opposizione, domanda anche ulteriori delucidazioni circa "l'ottimo servizio di consegna della spesa a domicilio", ma denuncia: "In sette giorni non ho ottenuto risposta"

Attraverso la pagina Facebook del suo gruppo consiliare “Insieme per Vicoforte”, il consigliere di minoranza Gian Pietro Gasco ha reso noto di avere rivolto in data 14 novembre un doppio invito all’amministrazione comunale.

In particolare, Gasco ha domandato di precisare i criteri di partecipazione all’ottimo servizio di consegna della spesa a domicilio, grazie al lodevole impegno dei volontari, anche per valutare se fosse possibile potenziarlo con nuovi negozi/esercenti, al fine di consentire ai tanti (purtroppo) vicesi in isolamento domiciliare di fruirne non solo per i prodotti alimentari di maggior necessità” e di spiegare le motivazioni per cui permane anche il sabato e nei giorni festivi l’isola pedonale al Santuario, davanti alla palazzata, in questo periodo di emergenza Covid-19 nel quale le persone sono invitate ad avere meno contatti possibili e ad accedere alle attività commerciali locali solo per necessità”. Infatti, “occorre tenere presente che le attività di ristorazione (ristoranti e bar) possono solo offrire servizi minimi o da asporto e quindi, in sostanza, sono solo consentite passeggiate solitarie e possibilmente in posti poco frequentati”.

Gasco ha poi concluso dicendo che alla data odierna, sabato 21 novembre 2020, nonostante le regole restrittive anti Covid-19 permangano, le nostre richieste non hanno avuto alcun effetto. Speriamo per il futuro”.