“Venga ufficialmente fornita data certa di ripristino piena operatività Poste di Chiusa Pesio”

Il sindaco Claudio Baudino: "una situazione non più tollerabile che ha come conseguenza quella di creare assembramenti e disagio tra gli utenti"

Chiusa di Pesio. Il sindaco Claudio Baudino torna sulla questione relativa all’Ufficio Postale del paese di cui, sin dal primo lockdown, Poste Italiane ha sensibilmente ridotto l’orario di apertura. Lo fa attraverso una lettera inviata ai vertici dell’ente, nella quale viene sollecitato il ripristino della piena operatività di quello che è l’unico punto presente in paese.

“L’ente non ha ancora spiegato ufficialmente – si legge nella missiva – se e come intende procedere per ripristinare un servizio fondamentale per il territorio, soprattutto per la popolazione più anziana”. Secondo Baudino infatti “l’ufficio postale continua a osservare un orario inconciliabile con la vita lavorativa (tre giorni di apertura, dalle 9 alle 13) e le persone sono costrette ad attendere il proprio turno fuori, creando lunghe file a bordo strada senza nemmeno avere la possibilità di sedersi”.

Per questi motivi e “alla luce del nuovo quadro epidemiologico” il primo cittadino chiusano chiede che venga fornita una data certa e ufficiale in modo da poterla comunicare alla cittadinanza. Quella dell’ufficio postale chiusano, considerando l’imminente arrivo dell’inverno, è secondo Baudino una “situazione non più tollerabile che ha come conseguenza quella di creare assembramenti e disagio tra gli utenti”.