Scuola, novità sui contrattisti Covid: gli stipendi arriveranno entro la fine di questo mese

Incontro poche ore fa al Miur tra i vertici politici e i rappresentanti della FLC Cgil: la questione parrebbe essersi finalmente sbloccata

Soltanto poche ore fa, grazie all’intervista di approfondimento gentilmente concessaci dal segretario generale della FLC Cgil Cuneo, Doriano Ficara, abbiamo approfondito la tematica relativa ai contrattisti Covid in ambito scolastico, che da settembre non hanno ancora percepito uno stipendio.

Per una curiosa coincidenza, proprio poche ore dopo la pubblicazione del nostro servizio, la questione parrebbe essersi sbloccata a livello nazionale: i rappresentanti della FLC Cgil sono stati convocati urgentemente presso il Miur per un aggiornamento inerente al pagamento degli stipendi ai supplenti su organico Covid.

“Durante l’incontro di cinque giorni fa – dichiarano dalla FLC Cgil – avevamo fortemente sollecitato un preciso impegno politico da parte del ministro, per affrontare le numerose problematiche riguardanti l’organico aggiuntivo COVID ma, soprattutto, per trovare una soluzione urgente e in tempi rapidi al pagamento delle retribuzioni di settembre e ottobre ai supplenti”.

Un pressing che ha dato i suoi frutti: oggi è arrivata la conferma da Roma che, dal 19 fino al 23 novembre prossimo, sarà possibile inserire a sistema gli emolumenti degli stipendi spettanti (arretrati e correnti), che saranno perciò messi in pagamento entro il mese di novembre 2020.

“Si chiude così – aggiungono dalla FLC Cgil – una questione vergognosa, che avevamo denunciato fin dall’inizio e che aveva causato notevole disagio al personale precario il quale, spesso, si è trovato a lavorare anche a notevole distanza dalla scuola dove era in servizio, sostenendo e anticipando spese senza percepire alcuna remunerazione”.