“Sacra Famiglia” in ginocchio, i consiglieri di Mondovì Oltre: “Serve l’aiuto di tutti”

Giuseppe Aimo e Gianni Mansuino sottolineano: "Il nostro gruppo sosterrà le iniziative che la Giunta intenderà mettere in campo, confidando che esse trovino l'appoggio di tutti"

In merito alla delicata situazione finanziaria che sta attraversando la casa di riposo “Sacra Famiglia” di Mondovì (registrato un ammanco di quasi un milione di euro), in queste ore si è registrato l’intervento a mezzo stampa dei consiglieri comunali appartenenti al gruppo Mondovì Oltre, Giuseppe Aimo e Gianni Mansuino.

“Siamo grati al Sindaco per aver deciso di relazionare al Consiglio comunale in merito al ‘Sacra Famiglia’, storica istituzione dell’assistenza monregalese – esordiscono i due –. Abbiamo apprezzato che egli abbia sottolineato come la struttura sia oggi ‘Covid free’, grazie all’impegno delle tante persone che vi lavorano e alla pazienza dei familiari, che continuano a non poter accedere alla struttura a causa della pandemia. Ovviamente il virus è in agguato tutti i giorni, per cui confidiamo che queste attenzioni proseguano”.

“Le problematiche – aggiungono – sono ora sul tavolo, a partire da quelle economiche. Il Comune può dare un sostegno? A questo proposito, il nostro gruppo sosterrà le iniziative che la Giunta intenderà mettere in campo, confidando che esse trovino l’appoggio di tutti. Nei mesi scorsi abbiamo avuto modo di approfondire le tante tematiche di questo complesso momento, anche grazie al confronto con alcune sigle sindacali: oggi, c’è bisogno più che mai di un impegno corale e la sottoscrizione a sostegno dell’istituto è l’occasione giusta per mettere da parte le polemiche e rimboccarsi le maniche, insieme”.