Rilancio linea ferroviaria Cuneo-Nizza, la ministra De Micheli scrive ai francesi

L’argomento sarà affrontato nella prossima Conferenza intergovernativa italo-francese (Cig Alpi del Mare) del 30 novembre

La prossima Conferenza intergovernativa italo-francese (Cig Alpi del Mare), prevista per il 30 novembre in modalità streaming, affronterà anche il problema della linea ferroviaria Cuneo-Nizza e la revisione della convenzione tra i due Paesi del 1970 e svantaggiosa per l’Italia.

La notizia arriva dalla ministra ai Trasporti, Paola De Micheli, che lunedì 16 novembre ha scritto una lettera al collega francese Jean-Baptiste Djebbari per segnalare la necessità di potenziare i collegamenti stradali e ferroviari tra Piemonte e Liguria (Italia) e Paca (Francia) nei territori colpiti dall’alluvione di ottobre.

Nella lettera si fa riferimento alla collaborazione intrattenuta con le autorità francesi per fare fronte alle conseguenze del maltempo e si condivide la necessità di “un segnale congiunto e chiaro sugli ulteriori interventi necessari per il ripristino e potenziamento dei collegamenti stradali e ferroviari”.

I ministri De Micheli e Djebbari ritengono che “i tempi siano maturi per il rinnovo della convenzione internazionale del ‘70 relativa alla manutenzione ordinaria e all’utilizzo del tratto in territorio francese della linea ferroviaria Cuneo-Breil-Ventimiglia, come convenuto nell’ultimo vertice intergovernativo a febbraio a Napoli”.

Il tema è stato affrontato anche durante la riunione in videconferenza che si è svolta sempre lunedì 16 novembre e che ha permesso al Dipartimento di Nizza e alle Province di Imperia e Cuneo di riavvicinarsi e affrontare insieme alcuni temi di basilare importanza per le strategie economiche, commerciali e turistiche comuni ai tre territori. Promossa dalla Camera di Commercio italiana di Nizza Sophia Antipolis Costa Azzurra vi hanno preso parte il sindaco di Cuneo Federico Borgna con l’assessore al Turismo Luca Serale e il sindaco di Imperia (Claudio Scajola), con i colleghi francesi Christiane Amiel, vice sindaco di Nizza e la consigliera comunale Laurence Navalesi, oltre a Alice Jude della Métropole Nice Côte d’Azur. Apertura dei lavori e moderazione dell’incontro realizzata dal direttore della Camera Agostino Pesce, insieme al responsabile del progetto ‘10 Comuni’, Giacomo Rinaudo. L’obiettivo dell’incontro è stato rinvigorire il triangolo commerciale e turistico e rispolverare nuove idee di cooperazione transfrontaliera. Non solo una valutazione sull’offerta delle tre città e generali intenti di pianificazione comune, ma anche iniziative concrete.

“Dobbiamo avere il coraggio e la consapevolezza di promuovere come un’unica macro-regione l’intero nostro territorio, sia a livello turistico che commerciale – ha detto Borgna -. Solo così potremo ripristinare i collegamenti che oggi ci mancano”. Anche il sindaco Scajola ha ribadito la necessità di riprendere i contatti tra le tre provincie che, agli inizi della storia dell’Unione Europea, furono addirittura utilizzate come esempio di aggregazione. La presidente della Camera Patrizia Dalmasso ha ricordato che si è trattato solo del primo di una serie di appuntamenti che seguiranno.