Premio Piemonte Innovazione: 40mila euro in palio, ultimi giorni per partecipare

A seguito dell'emergenza sanitaria e degli eventi alluvionali delle scorse settimane, i termini del bando sono stato riaperti e prolungati fino al prossimo 13 novembre

Ultimi giorni di tempo per i Comuni, le Unioni di Comuni, le Province, la Città Metropolitana di Torino e gli enti gestori delle funzioni socio-assistenziali della nostra regione per prendere parte alla quarta edizione del Premio Piemonte Innovazione, iniziativa ideata e portata avanti negli anni da ANCI Piemonte e presentata nel corso della conferenza stampa di ieri, lunedì 9 novembre, avvenuta rigorosamente in modalità multimediale.

“Investire sull’innovazione partendo dal basso è prioritario, soprattutto in un momento particolarmente difficile per il nostro territorio, provato dal Covid e da vere emergenze climatiche e ambientali. Senza dimenticare i problemi della banda larga e della fibra ottica. Ecco perché questo premio è importante”, ha esordito l’assessore all’Innovazione della Regione, Matteo Marnati.

A seguito dell’emergenza sanitaria e degli eventi alluvionali delle scorse settimane, i termini del bando sono stato riaperti e prolungati fino al prossimo 13 novembre.

A illustrare le novità dell’iniziativa che premia i progetti innovativi della pubblica amministrazione locale sono stati il presidente di ANCI Piemonte e sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro, e il vicepresidente all’Innovazione, Michele Pianetta, che hanno annunciato la partnership con SMAT, società dei servizi idrici torinesi, sottolineando una particolare attenzione al tema della sostenibilità ambientale.

Gli altri partner del Premio sono ANFoV, Fondazione CRC, Bbbell e GSE per un montepremi complessivo, tra erogazioni in denaro e servizi, che supera i 40mila euro.

“Anche in un periodo particolare come quello che stiamo vivendo – hanno asserito Corsaro e Pianetta – fare rete è fondamentale e la collaborazione con nuove realtà pubbliche e private diventa strategica.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il vescovo della diocesi di Mondovì, Monsignor Egidio Miragoli, il presidente di SMAT, Paolo Romano, il presidente della Commissione del Premio Piemonte Innovazione, Cesare Emanuel, e i sindaci di Miagliano e San Raffaele Cimena, Alessandro Mognaz ed Ettore Mantelli, vincitori delle scorse edizioni del premio.

A fare gli onori di casa è stato invece il sindaco di Ceva, Vincenzo Bezzone, che ha sottolineato come il cebano e, più in generale, il Cuneese abbiano dovuto fare i conti in questi mesi con un’emergenza meteoclimatica senza precedenti che, unita al Coronavirus e ai problemi legati alla connettività internet, ha letteralmente messo in ginocchio il territorio.