Premiati dalla Camera di Commercio i vincitori del concorso “Storie di Alternanza”

Anche in questo anno particolare la Camera di Commercio non ha rinunciato a premiare i ragazzi delle scuole superiori che si sono distinti nel loro percorso di Alternanza Scuola-Lavoro. La cerimonia si è svolta in via telematica, con i ragazzi che hanno presentato i loro percorsi attraverso video da loro stessi realizzati.

Si è svolta ieri, 27 novembre, presso il salone consiliare della Camera di Commercio di Cuneo, la premiazione dei vincitori del concorso “Storie di Alternanza”, l’iniziativa di Unioncamere ha cui ha aderito la Camera di Commercio di Cuneo, in cui sono stati raccontati i progetti ideati e realizzati da 22 studenti di 4 istituti superiori della provincia e dai loro tutor scolastici.

I vincitori di questa quarta edizione, non potendo presenziare direttamente, hanno partecipato alla cerimonia per via telematica, collegandosi via meet e presentando in un video il loro progetto. Il premio per la sezione Istituti Tecnici e Professionali è andato all’Istituto “Giolitti-Belisario” di Mondovì, grazie al filmato dal titolo “Wonderful Alternanza!” di Umberto Prato (tutor scolastico: Silvio Pellegrino). Sempre a Mondovì è finito il premio che riguarda la sezione Licei, dove a trionfare è stato il Liceo “Vasco-Beccaria-Govone”, con il video “Tra sapori e sviluppo: da classicista a direttore marketing” di Alberto Martinetti (tutor scolastico: Monica Abbona). Quest’ultimo filmato, un progetto di comunicazione aziendale nel settore della ristorazione cuneese: dalla realizzazione di volantini, locandine, gadget, insegne, tovagliette sottopiatto, sacchetti e box da asporto, menù, alla promozione social tramite il sito web, le recensioni su Facebook, TripAdvisor e Google, si è distinto anche su scala nazionale conquistando la medaglia d’argento nella graduatoria dei ben 120 classificati alla fase finale del Concorso Nazionale.

“L’ingresso in azienda dei ragazzi è un’efficace strumento di orientamento”, sottolinea il Presidente della Camera di Commercio Mauro Gola che esprime il suo convinto sostegno al progetto di Alternanza Scuola-Lavoro “e iniziative come questa hanno un valore concreto, perché sono un’esperienza formativa da cui si impara a lavorare in team, a mettere a frutto le proprie abilità e competenze, a scoprire quella che potrebbe diventare la professione del domani”.

“Anche in questa edizione, nonostante l’emergenza sanitaria in corso – aggiunge Maria Teresa Furci Dirigente Ministero dell’Istruzione per l’Ambito Territoriale di Cuneo – studenti e docenti hanno presentato racconti di alternanza di vero spessore, dal sociale alla sostenibilità ambientale, dalla meccatronica alla chimica verde fino al meraviglioso mondo del cinema, desidero ringraziarli per il loro impegno. Le loro storie ci fanno ben sperare per il futuro dei giovani e del nostro Paese. L’appuntamento è al 2021, con una nuova sfida”.

“Già nel programma 2018-21 la Fondazione aveva inserito l’obiettivo di rafforzare il raccordo tra il mondo della scuola e quello delle imprese – evidenzia il Presidente della Fondazione CRC, Giandomenico Genta -. Poi, anche a partire dai risultati emersi dal quaderno “Alternanza scuola lavoro. I giudizi di chi la fa” del 2019, abbiamo sviluppato iniziative progettuali riconosciute come alternanza, tra cui Energia giovane per lo sviluppo, promosso proprio con la Camera di Commercio. La nostra partecipazione alla premiazione del concorso Storie di alternanza sottolinea dunque la sintonia con le iniziative promosse su questo ambito e la disponibilità a costruire insieme nuove progettualità future”.

Commenta il Segretario generale, Patrizia Mellano: “E’ bello vedere sui volti di questi ragazzi l’entusiasmo e la soddisfazione per aver aderito a questa iniziativa con l’opportunità di raccontarla nel linguaggio per loro più semplice, attraverso video e clip: i veri protagonisti sono stati loro”!

Conclude Marco Damiano, Area Formazione e Politiche attive del Lavoro Unioncamere nazionale: ““Storie di Alternanza” è un concorso che permette agli studenti di mettere a fuoco gli aspetti più significativi e caratterizzanti del Percorso per lo sviluppo delle competenze trasversali e per l’orientamento svolto. Dalle loro rappresentazioni creative emerge chiaramente l’intenzione di dare valore all’esperienza nella sua funzione orientativa, ma anche il raggiungimento del traguardo formativo di sviluppo delle competenze personali e sociali, trasferibili attraverso la dimensione operativa del fare. Mi congratulo con tutti gli studenti partecipanti e con i premiati”.