Nella RSA di Stroppo arriva una nuova cooperativa a gestire l’emergenza

Da ieri, sabato 14 novembre, il personale de “Il Cortile” di Villanova Mondovì si sta occupando dell'impegnativa situazione

Stroppo. La RSA Alessandro Riberi di Stroppo ha vissuto una situazione di estrema difficoltà con contagi sia fra gli ospiti che tra gli Oss. Così come non si poteva contare su merito e infermiere.

Anche l’Uncem Piemonte nella persona del suo neo-presidente Roberto Colombero aveva denunciato la gravità della situazione con il personale positivo e gli ospiti bisognosi di assistenza. Era stato chiaro: “Se la situazione non migliora serve personale medico militare. Siamo in guerra. Se qualcuno non se ne fosse ancora accorto.”

Da ieri, sabato 14 novembre, è giunta una nuova cooperativa, “Il Cortile” di Villanova Mondovì, a gestire l’emergenza.

Subito impegnata a risolvere l’impegnativa situazione ha effettuato la sanificazione straordinaria e trasferito i dieci positivi.

Il personale della cooperativa è molto professionale e applica strettamente un rigido protocollo: dal cambio camice ad ogni ingresso in un reparto alle tante attenzioni necessarie.
Gli Operatori Socio-Sanitari, in buona parte di nazionalità marocchina, dimorano nella vicina casa di proprietà della casa di riposo.

L’assistenza medica è garantita dal dott. Airale (Unità Speciale di Continuità Assistenziale, USCA). Puntuale e importante la collaborazione con il dott. Barbero e con il dott. Noto dell’Asl CN1 che supportano il lavoro del presidente Rino Raina, che sta affrontando con determinazione e la necessaria presenza il particolare momento.

Anche la direttrice, Andreina Guglielmo, è positiva al virus, quindi in quarantena.