Mondovì in lutto per la morte della 47enne Jean Cordova Ramirez

La donna era malata di SLA e risiedeva con il marito Aldo nel rione Altipiano

Una scomparsa prematura, dettata da una malattia davvero crudele: la SLA si è portata via nelle scorse ore il sorriso di Jean Cordova Ramirez, 47enne che risiedeva a Mondovì, nel rione Altipiano, insieme al marito Aldo Borgna.

Se ne è andata proprio nella sua casa e l’ultimo saluto le è stato tributato nella giornata di lunedì 9 novembre.

Jean soffriva di una malattia neurodegenerativa progressiva dell’età adulta, determinata dalla perdita dei motoneuroni spinali, bulbari e corticali, che conduce alla paralisi dei muscoli volontari fino a coinvolgere anche quelli respiratori. In particolare, come spiega il portale “Arisla”, la linea di comunicazione neuronale collassa; i motoneuroni non sono in grado di portare le informazioni elettriche dal cervello e dal midollo spinale al muscolo, che come risultato diventa quindi inattivo (paralizzato). Se un muscolo è inattivo per un lungo periodo, la sua massa inizia a diminuire ossia di atrofizza.