Mondo dello sci in ginocchio, Ciaburro: “Governo convochi tavolo di lavoro”

"Roma non perda tempo e convochi operatori e associazioni del settore della montagna. La salute è in ogni caso al primo posto, ma la sfida economica di questo comparto economico riguarda migliaia di famiglie"

L’onorevole Monica Ciaburro, deputato di Fratelli d’Italia e sindaco di Argentera, è tornata in queste ore sulla questione relativa alla non apertura degli impianti sciistici.

“Il Governo non perda tempo e convochi operatori e associazioni del settore della montagna – scrive sulla sua pagina Facebook –. La salute è in ogni caso al primo posto, ma la sfida economica di questo comparto economico riguarda migliaia di famiglie. Parliamo di 400mila posti di lavoro, oltre 1800 impianti di risalita, circa 15mila maestri di sci, per un fatturato che – considerando l’indotto – vale tra i 10 e i 12 miliardi di euro, di cui un terzo realizzato nei mesi di dicembre e gennaio.

L’onorevole ha poi espresso soddisfazione per l’apertura da parte del Governo con l’accoglimento del mio ordine del giorno seppur riformulato. Vista l’emergenza, però, assieme ai colleghi di Centrodestra Massimo Garavaglia della Lega e Claudia Porchietto di Forza Italia, rinnovo la richiesta al presidente del Consiglio Conte e ai suoi ministri Speranza e Boccia di organizzare nel minor tempo possibile un tavolo di lavoro per valutare cosa fare, nella piena consapevolezza dell’esigenza di non alimentare la diffusione del virus”.