I Musei Civici di Cuneo non rinunciano alle attività per le scuole

Pur impossibilitati a svolgere in presenza le classiche attività laboratoriali, il Complesso Monumentale di San Francesco e il Museo Casa Galimberti offrono alle classi un programma digitale di proposte interattive a distanza.

I Musei Civici sono chiusi ma non si danno per vinto. Anche in quest’anno sfortunato, infatti, le due realtà museali si sono attivate per offrire alle scuole di Cuneo un percorso laboratoriale a distanza, paragonabile ai molti che ogni anno, normalmente, svolgono in presenza. Entrambi hanno organizzato un format di incontri in video-lezione in cui l’operatore museale interagisce direttamente con gli studenti, attraverso la classe digitale, in modo da rendere la comunicazione tra le parti il più possibile simile a quella che si realizzerebbe in presenza. “Scuola e museo si incontrano in uno spazio virtuale superando così le distanze geografiche e il distanziamento sociale, per incoraggiare lo scambio tra docenti, alunni e operatori culturali con un approccio informale e dialogico, che permette a tutti gli interessati di continuare a proporre e ad interagire in un dialogo educativo produttivo ed emozionante.” – dichiara l’Assessora alla Cultura Cristina Clerico.

Nella fattispecie il Museo Casa Galimberti offre varie proposte, diverse per età e percorso di studi. Per la Scuola Primaria presenta due laboratori: “Turisti per un giorno: alla scoperta del Museo Casa Galimberti” in cui il Museo viene presentato a partire dalle sue peculiarità (biblioteca, archivio e pinacoteca) e viene delineata la figura dei vari componenti della famiglia, senza tralasciare la ricerca e scoperta di oggetti storici.  Mentre in Storia, memoria e fonti storiche – La storia di Duccio…attraverso le fonti!” il racconto della storia di Duccio avviene a partire dalle fonti presenti in Museo (materiali, iconografiche, scritte e orali) che parlano di lui, delle sue scelte e della sua famiglia.

Agli studenti della Scuola Secondaria viene proposta una visita virtuale del Museo con descrizione della figura di Duccio Galimberti contestualizzata storicamente, rispetto agli ambiti nazionale e locale. La visita viene effettuata direttamente dall’operatore attraverso piattaforma digitale e con l’uso di fotografie e video, incrementando così la partecipazione personale dei ragazzi coinvolti. Alla visita può essere abbinato un percorso sul territorio cuneese seguito online attraverso Google Earth. Qui di seguito le attività:

«Cuneo in guerra.  Una visita alla città, un percorso nella storia» percorso per le vie di Cuneo alla riscoperta delle tracce fasciste e di guerra ancora presenti in città con narrazione e commento dei luoghi anche attraverso l’uso di immagini d’epoca

«Memorie di Resistenza. Cuneesi che hanno lasciato il segno» spesso il nome di una via non rimanda al passato o alle scelte di vita della persona a cui è stata intitolata e riscoprirlo o conoscerlo permette di conservarne la memoria, per non dimenticare. Il percorso conduce alla scoperta di uomini e donne che, come Duccio, hanno lottato per la liberazione dell’Italia e a cui sono state intitolate vie, lapidi o piazze.

«Di Mazzini, Garibaldi e affini. Itinerari per una conoscenza attiva»– Il museo Casa Galimberti è intriso di Risorgimento: il percorso conduce alla scoperta degli ideali risorgimentali in cui la famiglia Galimberti crede fortemente e a cui educa i figli, alla scoperta delle figure risorgimentali presenti nella casa. Quindi un percorso all’esterno del museo, nelle vie cittadine, seguendo i ricordi della Cuneo risorgimentale.

Tutte le proposte sono gratuite e soggette a prenotazione telefonica al numero 0171/444801 o tramite mail a museo.

In attesa che ritornino le condizioni per lavorare in presenza, dando così il giusto valore alla parte manipolativa dei laboratori del Complesso Monumentale di San Francesco – Museo Civico di Cuneo, da sempre elemento distintivo dei percorsi per le scuole, anche in questo periodo l’istituzione culturale propone una serie di iniziative volte a tener vivo il rapporto con le numerose classi scolastiche che frequentano il museo.

L’archeologo è on line” è infatti un’attività di didattica a distanza che si adatta, nei contenuti e nelle modalità di espressione, agli istituti di istruzione di ogni ordine e grado, in cui si propone al gruppo classe la descrizione di una delle sezioni archeologiche del percorso museale – Preistoria, Romanità e Medioevo -, la visione di riproduzioni in 3D dei reperti e l’interazione “in diretta” con l’archeologo.

Anche questa attività è gratuita, previa prenotazione telefonica al numero 0171/634175 o tramite mail a museo@comune.cuneo.it.

Inoltre, per garantire alle classi una sorta di visita virtuale del Museo, l’equipe dei servizi educativi del Complesso ha realizzato tre video, visibili sul canale YouTube del Museo o sul sito del Comune (https://www.comune.cuneo.it/cultura/museo/video.html) intitolati “La Preistoria al Museo Civico”, “L’Età romana al Museo Civico” e “I Longobardi di Sant’Albano Stura al Museo Civico”. Infine, sulla pagina Facebook del Museo Civico di Cuneo, ogni settimana vengono pubblicati materiali didattici di vario tipo.