Giuseppe Bertano è morto: Carrù piange il “suo” reduce

L'uomo, da tutti conosciuto come "Gepe", aveva compiuto 101 anni lo scorso 18 novembre. Era positivo al Coronavirus

È un giorno triste per Carrù e per l’intera comunità carrucese: è morto Giuseppe Bertano, alpino reduce dei fronti di Francia, Albania e Russia che soltanto lo scorso 18 novembre aveva festeggiato il suo compleanno numero 101.

L’uomo si è spento presso l’ospedale “Mauriziano” di Torino ed era risultato positivo al Coronavirus.

Soltanto 6 giorni fa, il sindaco, Nicola Schellino, lo aveva celebrato sui social network: “Gepe non è solo un riferimento per la comunità carrucese, ma è soprattutto un eccezionale testimone di umanità e coraggio, uniti ad un profondo senso civico”.

Il primo cittadino aveva inoltre ricordato che a settembre, in occasione della consegna delle borse di studio da parte del “Corriere di Carrù”, “ad ogni premiazione da lui effettuata, in segno di rispetto verso gli studenti insigniti, ha voluto alzarsi in piedi e non rimanere seduto. Un gesto certamente semplice, che denota un profondo rispetto per gli altri. Sono orgoglioso di poter essere il suo sindaco”.

Le esequie avranno luogo presso la chiesa parrocchiale di Carrù, in forma privata, giovedì 26 novembre.