Fiera del Bue Grasso di Carrù 2020: si farà “in forma essenziale”. Salta il “bollito no stop”

L'evento si sostanzierà nella sola rassegna zootecnica presso l'ala mercatale Borsarelli in piazza Mercato, che avrà luogo giovedì 10 dicembre 2020 a porte chiuse, senza la presenza di pubblico

C’è il Coronavirus, ma Carrù non rinuncia all’edizione numero 110 della Fiera del Bue Grasso: certo, non potrà essere organizzata secondo i dettami della tradizione, ma non per questo non potrà avere luogo, come spiegano dal municipio.

“L’evento sarà in forma del tutto essenziale e si sostanzierà nella sola rassegna zootecnica presso l’ala mercatale Borsarelli in piazza Mercato, che avrà luogo giovedì 10 dicembre 2020 a porte chiuse, senza la presenza di pubblico. La rassegna zootecnica vedrà bovini in numero non superiore a 70-80 (numero preciso ancora da confermare), suddivisi nelle categorie buoi, manzi e vitelli castrati, ai quali, terminate le operazioni di valutazione della giuria, verranno destinati i premi, le fasce e le gualdrappe. L’appuntamento verrà comunque trasmesso in diretta streaming e verrà filmato da un operatore autorizzato dal Comune”.

E ancora: “Mai come quest’anno i bovini saranno i veri – e unici, ahinoi – protagonisti. Si terrà il mercato nella sua veste tradizionale del giovedì, da verificare se esteso anche a categorie diverse dalle attività di commercio di generi alimentari, attualmente le sole autorizzate, in base alle prescrizioni nazionali che verranno adottate. Non è prevista alcuna somministrazione di alimenti e bevande da parte della Pro Loco: è confermata infatti la cancellazione del ‘Bollito No Stop’.

Da segnalare che l’ATL del Cuneese, grazie all’interessamento del consigliere Rocco Pulitanò, ha deciso di realizzare “un cortometraggio di finzione che racconterà in modo emotivo la storia e la tradizione che si cela dietro la Fiera per invitare i partecipanti ad approfondire le radici culturali di questo appuntamento tradizionale”. Il video avrà durata pari a circa 3 minuti e sarà realizzato dal regista Davide Sordella; le riprese avranno luogo nei prossimi giorni. Tale video verrà in seguito utilizzato dall’ATL come strumento promozionale attraverso i propri canali di comunicazione.

“Questo progetto – dichiara il sindaco, Nicola Schellino – è la dimostrazione di quanto l’interesse attorno alla storia e alla tradizione della Fiera del Bue Grasso sia alto. Ringrazio l’ATL del Cuneese, nelle persone del presidente Mauro Bernardi, del consigliere Rocco Pulitanò e della direttrice Daniela Salvestrin, per aver deciso di puntare sulla Fiera raccontandone tramite un cortometraggio la sua assoluta unicità fondata sulla tradizione. Aggiungo ancora che, al fine di evidenziare l’eccezionalità della celebrazione della Fiera di quest’anno e lanciare quindi già la sfida alla Fiera del 2021, dando maggiore spazio a forme di pubblicità audiovisive da spendere anche sui social, prossimamente incaricheremo un professionista di realizzare un video spot, sul quale saprò essere più preciso nelle settimane a venire”.