Fabio Grosso nuovo presidente Giovani Commercialisti ed Esperti Contabili cuneesi

"Un grande onore ma anche un grande onere per l’eredità che raccolgo" il commento del classe 1990, dottore commercialista in Cuneo

Cuneo. Lo scorso 19 novembre, per la prima volta in modalità telematica, si è riunita l’assemblea dell’Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Cuneo per l’elezione del nuovo Direttivo e del Collegio dei Probiviri, che resteranno in carica per il triennio 2020-2023. Durante la riunione è stato eletto Presidente dell’Unione Fabio Grosso, classe 1990, dottore commercialista in Cuneo.

Il collegio dei Probiviri sarà composto da Valentina Bessone, Giorgio Rabbia e Andrea Giraudo. Il Direttivo durante la sua prima seduta ha attribuito le cariche al proprio interno nominando Vicepresidente Gianluca Pasquale, Tesoriere Giacomo Cavallo, Segretario Federica Dalmasso, Presidente della Commissione Studi Giovanni Demaria, Consiglieri Giacomo Alciati, Monica Bosio, Alessia Caramello e Luisa Calcagno.

“Diventare Presidente dell’Unione di Cuneo – ha dichiarato il neo presidente – è per me un grande onore ma anche un grande onere per l’eredità che raccolgo. Il gruppo che si è formato risulta essere animato da molte idee e da forte vivacità. L’obiettivo che ci poniamo è quello di continuare ad essere un supporto per l’Ordine nelle attività e iniziative a favore dei colleghi, sia a livello formativo sia creando reti professionali in modo da unire le diverse specializzazioni affinché si possa fornire della consulenza altamente qualificata, anche unendo altre figure professionali come avvocati, ingegneri e industriali. Sicuramente la crisi sanitaria che stiamo vivendo sta creando situazioni di difficoltà economica e criticità nel tessuto sociale e in qualità di consulenti saremo impegnati a proporre idee e normative a sostegno delle imprese sia a livello locale ma anche attraverso i canali regionali e nazionali promossi dalla Giunta Nazionale e dalle altre Unioni locali, valorizzando la nostra professionalità. Ritengo che in questi periodi si possano creare anche molte opportunità da cogliere sfruttando e potenziando le competenze professionali.”