Comitato consultivo provinciale per la pesca riunito in videoconferenza

Tra gli argomenti affrontati anche le conseguenze dal punto di vista ittico dell’alluvione del 2 e 3 ottobre scorso

Il Comitato consultivo provinciale per la pesca che si è riunito lunedì 16 novembre in modalità streaming ha affrontato alcuni temi di interesse comune, come il rinnovo dei Diritti demaniali esclusivi di pesca provinciali per il periodo 2021-2025 e le conseguenze, dal punto di visto ittico, dell’alluvione del 2 e 3 ottobre scorso sul torrente Gesso e sul fiume Stura. Sono emerse anche alcune osservazioni dell’associazione Libera Caccia (sezione Pesca) in merito alla regolamentazione della pesca alla carpa e si è parlato della richiesta di rinnovo e modifica della zona turistica di pesca del torrente Casotto.

Il Comitato Pesca è composto da rappresentanti di associazioni piscatorie provinciali, associazioni ambientaliste, troticoltori, istituzioni e parchi. E’ presieduto dal presidente della Provincia o da un suo delegato ed ha una funzione consultiva a supporto alle attività dell’Ufficio Pesca della Provincia. Di norma si riunisce due volte all’anno, ma a causa dell’emergenza sanitaria questo non è stato possibile e l’incontro si è svolto a quasi un anno di distanza dal precedente che si era tenuto il 28 novembre 2019.

“Questo tavolo serve per un confronto tra tutti i soggetti coinvolti su un tema di grande interesse pubblico come è la pesca. – ha detto il consigliere provinciale Roberto Passone – ed è un utile supporto all’attività della Provincia in questo ambito e, di conseguenza, a servizio di tutto il territorio”.