Cirio: “In partenza altri 82mila test rapidi per le RSA e residenze per anziani”

Il presidente del Piemonte: "Continuano la massima attenzione e un intervento immediato per la sicurezza di uno dei luoghi più importanti da proteggere"

Non troppe settimane fa, nell’ambito di una conferenza stampa appositamente convocata insieme all’assessore alla Sanità, Luigi Genesio Icardi, il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, aveva garantito massima attenzione nei confronti delle case di riposo, dove alloggiano i soggetti più fragili della nostra società e potenzialmente più a rischio in questo delicato quadro pandemico.

Ospiti e personale, così, vengono testati con cadenza bisettimanale, in maniera da scongiurare eventuali cluster all’interno delle strutture e assicurare a chi vi risiede e a chi ci lavora la totale sicurezza.

Così, questa mattina, Cirio ha pubblicato un’immagine sulla propria pagina Facebook, nella quale si vedono montagne di scatoloni pronti per essere caricati sui furgoni: In partenza altri 82mila test rapidi per il terzo screening con cui, ogni 15 giorni, monitoriamo ospiti e operatori di tutte le RSA e residenze anziani del nostro Piemonte – ha scritto il governatore –. Continuano la massima attenzione e un intervento immediato per la sicurezza di uno dei luoghi più importanti da proteggere”.