Quantcast

“Chiedere aiuto è il primo passo per uscire dalla violenza”: il messaggio dell’associazione Futuro Donna

In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il sodalizio ha voluto ricordare la sua presenza e il numero telefonico di riferimento (sempre attivo): 373/5088683

L’associazione Futuro Donna, attiva dal 2008 con le proprie volontarie sul territorio del Cebano, del Monregalese e dell’alta val Tanaro per aiutare le donne vittime di violenza – sia essa fisica che psicologica e/o economica -, anche quest’anno ha deciso di rinnovare la propria presenza in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per la lotta contro la violenza sulle donne.

“Nel rispetto delle norme anti Covid – spiegano dal direttivo – l’associazione non organizzerà eventi celebrativi, ma intende comunque ricordare che chiedere aiuto è il primo passo per uscire dalla violenza. Le operatrici e le volontarie del centro antiviolenza dell’associazione Futuro Donna sono raggiungibili sempre, reperibili 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno, sia feriali che festivi, al 373/5088683, anche in questo periodo emergenziale.

Si ricordano gli orari di apertura del centro antiviolenza e degli sportelli decentrati, precisando che in questo momento, in osservanza delle disposizioni regionali emanate per fermare il dilagare del contagio da Covid-19, gli accessi alla sede del centro antiviolenza possono avvenire solo su appuntamento, mentre le attività degli sportelli sono momentaneamente sospese.

Sede di Ceva, via Case Rosse 1, località San Bernardino: lunedì 14.30-16; mercoledì 14.30-16; giovedì 15-17.30.

Sportello di Mombasiglio, piazza Municipio 2 (piano terra del municipio): martedì 9.30-10.30.

Sportello di Niella Tanaro, via XX Settembre 11 (piano terra del municipio): giovedì 13.30-14.30.

Sportello di Priola, via Luigi Cadorna 2, frazione Pievetta (presso ex scuole elementari): venerdì 15.30-16.30.