Busca, tutti negativi gli ospiti della Rsa e della casa di riposo

"Siamo nel pieno di una seconda ondata con contagi molto più diffusi che nella scorsa. Più che mai necessario sentirci responsabilizzati" ha detto il primo cittadino Marco Gallo

Busca. In base ai dati ufficiali di oggi, venerdì 13 novembre, a Busca sono 212 le persone positive al Covid19 e 196 quelle in isolamento, 1650 i tamponi effettuati dall’inizio della pandemia. I numeri risultano stabili da inizio settimana, dopo un forte aumento registrato in modo costante da inizio ottobre.

La sola buona notizia giunge dall’Ospedale Civile che fa sapere che gli ospiti della rsa e della casa di riposo sottoposti a tampone sono risultati tutti negativi.

E’ evidente che siamo nel pieno di una seconda ondata con contagi a Busca molto più diffusi che nella scorsa. Dobbiamo sentirci di nuovo responsabilizzati, come avevamo dimostrato di essere nella scorsa primavera.

“Questo virus si deve combattere in tanti modi – afferma il sindaco Marco Gallo -, ma il principale resta sempre il comportamento corretto di ciascuno di noi. I bambini, come ha riferito il dirigente dell’istituto comprensivo di Busca Davide Martini, lo hanno capito bene e pur di poter continuare ad andare a scuola hanno accettato di buon grado tutte le regole, non facili da osservare per loro. Per questo ringrazio le loro famiglie e gli insegnanti che hanno saputo spiegarne bene le ragioni. Sono le stesse che dobbiamo avere ben presente in ogni momento tutti e di cui per forza qualcuno si era dimenticato, altrimenti non saremmo in questa situazione. Chi ha vissuto sulla propria pelle la malattia testimonia di quanto possa essere dura uscirne. L’altro grande problema sono gli ospedali, giunti al massimo della capienza e costretti a rimandare tutti gli screening e gli interventi non urgenti. Usciamo soltanto per le necessità, con la mascherina messa bene e rispettiamo le distanze. Dobbiamo apprestarci ad un inverno complicato. Vi prego di continuare sempre a prestare attenzione e rispettare e far rispettare le tre regole fondamentali. La Polizia municipale e le forze dell’ordine sono di nuovo concentrate per il controllo, ma preferisco pensare che non sarà necessario intervenire, ci credo e ci conto”.