Bra viaggia verso quota 500 positivi al Coronavirus

Intanto, da oggi e fino al 3 dicembre, in città saranno chiuse, mediante apposita ordinanza, le aree gioco: un provvedimento finalizzato a tutelare la salute pubblica, anche alla luce del progressivo incremento dei contagi

Sfiora ormai quota 500 Bra in materia di contagi da Coronavirus: sono infatti 481 i domiciliati risultati positivi ai tamponi.

“Da un’elaborazione dei dati (in continua evoluzione) – sottolineano dal municipio –, resta sostanzialmente stabile rispetto alla scorsa settimana la fascia più colpita dal contagio in città, ovvero quella tra i 30 e 60 anni (47% del totale), con una maggiore incidenza tra i 40 e 50 (18% del totale)”.

“La situazione resta a un livello di criticità alto, su tutta la provincia – asserisce il sindaco Gianni Fogliato –. C’è bisogno del contributo di ciascuno per arrestare la corsa del virus ed evitare il collasso delle nostre strutture sanitarie. Ringrazio di cuore il personale impegnato senza sosta nel garantire assistenza e cura a chi ne ha bisogno e mi rivolgo ancora una volta al senso di responsabilità dei cittadini braidesi: limitate il più possibile le uscite non strettamente necessarie e ogni possibile occasione di incontro, anche ai giardini o sulle panchine della nostra città. Dobbiamo essere rigorosi e coscienti della posta in gioco, che coinvolge non solo la salute nostra e dei nostri cari, ma anche una più ampia tenuta del sistema economico, sociale e sanitario territoriale. Se vogliamo uscirne, mi auguro il prima possibile, serve il contributo di ognuno, nessuno escluso. Da oggi e fino al 3 dicembre in città saranno chiuse, mediante apposita ordinanza, le aree gioco: un provvedimento che ho ritenuto necessario per tutelare la salute pubblica, anche alla luce del progressivo incremento dei contagi”.

“Siamo consapevoli della difficoltà di questo periodo, anche per le categorie economiche interessate da chiusure o rimodulazione della propria attività per effetto delle misure di contenimento della pandemia nazionali e regionali – conclude il primo cittadino –. Confermiamo il nostro pieno sostegno, tramite le iniziative già attuate e quelle in programma, in aggiunta alle misure messe in campo dal Governo. Anche in questo caso, rivolgo un appello alla città: sosteniamo il commercio e l’artigianato di vicinato valorizzando e privilegiando, per i nostri acquisti e servizi, i commercianti e gli artigiani di Bra, anche attraverso vendite e consegne a domicilio”.