6 milioni di euro in 11 mesi: il Comune di Saluzzo investe sulle scuole

Il denaro, ottenuto grazie a bandi regionali e nazionali, è stato impiegato per l'adeguamento alle normative antisismiche degli istituti e per l'efficientamento energetico

L’amministrazione comunale di Saluzzo si è resa protagonista di un’importante azione economica negli undici mesi, durante i quali ha investito quasi 6 milioni di euro sulle scuole di proprietà (primarie e secondarie di primo grado), più precisamente 5 milioni e 635mila euro, oltre a 90mila euro per gli adeguamenti anti-Covid.

Il denaro, ottenuto grazie a bandi regionali e nazionali, è stato impiegato per l’adeguamento alle normative antisismiche degli istituti e per rendere le scuole più efficienti dal punto di vista energetico.

In particolare, spiegano dal municipio, per i cantieri per far diventare più sicure le scuole in caso di terremoto, l’amministrazione civica ha stanziato 576mila euro per la “Dalla Chiesa”, 659mila euro per la
“Musso”, 638mila euro per la “Pivano”, 800mila euro per la “Costa”, un milione e 162mila euro per
i due edifici delle medie “Rosa bianca”. Sempre per l’istituto secondario, altri 850mila euro sono
stati spesi per ristrutturare e rendere meno energivora l’ex “Bersezio” e 950mila per l’ex “Einaudi” e per la palestra.

Dal Governo sono arrivati inoltre 90mila euro per i lavori di adeguamento delle aule in vista della
ripartenza della scuola dello scorso settembre, soldi che sono stati impiegati dal Comune per interventi alla “Dalla Chiesa” e alle medie.

“Negli anni precedenti – aggiungono dal palazzo municipale –, il Comune di Saluzzo aveva anche utilizzato 568mila euro per interventi volti alla riduzione dei consumi energetici nel polo scolastico ‘Dalla Chiesa’ – ‘Alessi’, 52mila per riqualificare l’impianto di riscaldamento della primaria ‘Musso’ e 139mila per il nido ‘Jean Monnet’, lavori finanziati anche con i contributi del ‘Gse – Gestore servizi energetici'”.

Inoltre, “nelle ultime settimane prima della ripartenza delle lezioni, nelle scuole comunali di Saluzzo non è stato necessario sostituire i banchi con quelli nuovi monoposto, perché l’amministrazione civica aveva già provveduto agli acquisti negli anni scorsi. Nel dettaglio, nell’ultimo triennio (2017-20) il Comune ha destinato oltre 123mila euro per arredi e accessori per le scuole cittadine. È del 2017 la spesa di 15mila euro per banchi e sedie per le medie; nel 2018 sono stati investiti altri 10mila euro per banchi e sedie per le primarie; risale al 2019 lo stanziamento di altri 52mila euro per altri banchi, sedie e arredi per le scuole dell’infanzia, le primarie e le medie. Infine, nel corso di quest’anno sono stati messi a disposizione altri 29mila euro per completare le forniture di arredi (armadi, lavagne)”.

Il Comune ha migliorato anche i collegamenti delle scuole cittadine con l’installazione, già nel 2018 della fibra ottica per le comunicazioni veloci e sicure via web, a disposizione di tutte le sedi dell’istituto comprensivo. “Sui giornali locali si sente spesso parlare di cantieri e progetti simbolo di un’amministrazione – ha affermato il sindaco di Saluzzo, Mauro Calderoni –. Non ci dispiacerebbe che la nostra azione politica fosse ricordata anche per aver speso oltre 6 milioni di euro per rendere più sicure, efficienti e belle le scuole che frequentano i nostri figli e i nostri nipoti”.