Radicali e Atei insieme per un presidio congiunto nel fine settimana

Sabato 24 e domenica 25, la sezione di Cuneo dei Radicali e l’Unione Atei e Agnostici Razionalisti terranno uno stand presso lo Slargo di Corso Dante. Obbiettivo sensibilizzare e raccogliere firme su tematiche care ad entrambi: laicità e ambiente.

Sarà un weekend molto intenso per Radicali Cuneo. È infatti in programma per sabato 24 e domenica 25, dalle 15.30 alle 19, un presidio presso lo Slargo di Corso Dante (lato Stura). Ma stavolta la sezione provinciale dei Radicali non sarà sola: sarà presente nello stand, infatti, anche l’UAAR (Unione Atei e Agnostici Razionalisti). Entrambe le realtà organizzeranno raccolte firme su questioni impellenti.

Nella fattispecie i Radicali cuneesi raccoglieranno le firme per l’iniziativa “Stop Global Warming”, una proposta europea che mira a spostare le tasse dal lavoro alle grandi fabbriche che inquinano. Un’iniziativa da tempo attesa dai Radicali. “Una proposta dopo tante proteste! Stop Global Warming è un’iniziativa concreta per combattere i cambiamenti climatici. Riguarda il futuro di tutti” commenta Filippo Blengino, Segretario dell’associazione Radicali Cuneo. Potrà apporre la propria firma qualsiasi cittadino maggiorenne in possesso della Carta d’Identità o del Passaporto. Essendo una proposta europea, non è valida la patente.

L’UAAR invece allestirà un piccolo “Sbattezzo Point”, cioè un punto di informazione per i cittadini che desiderano abbandonare la Chiesa cattolica e non sanno come fare. Verranno consegnati moduli per l’abbandono e date tutte le informazioni necessarie.

I militanti delle due realtà raccoglieranno poi, congiuntamente, anche firme per l’istituzione di una sala del Commiato a Cuneo per i funerali laici, battaglia che i Radicali cuneesi stanno portando avanti da mesi. “Sarà l’ultima occasione per i cuneesi di poter sottoscrivere la petizione popolare che consegneremo nel pomeriggio del 4 novembre direttamente nelle mani del Sindaco di Cuneo Federico Borgna, con cui è previsto un incontro/confronto” dichiarano i promotori. La petizione, una volta consegnata, avrà una risposta da parte del Sindaco entro sessanta giorni.

Gli organizzatori dichiarano infine, che saranno rispettate tutte le misure anti Covid-19. Saranno evitati gli assembramenti e verrà fornito per chi aderirà del gel sanificante in modo da poter firmare in totale sicurezza.