Montepremi più alto e sostegno ai Comuni: riaprono i termini di “Piemonte Innovazione”

Il vicepresidente di ANCI Piemonte, Michele Pianetta: "In un anno difficile per le realtà piemontesi, provate sia dall'emergenza sanitaria sia da quella climatica, il premio prova a lanciare un messaggio diverso, manifestando un'attenzione particolare al tema della sostenibilità ambientale"

Sono stati ufficialmente riaperti sino al 13 novembre i termini di adesione per prendere parte al premio “Piemonte Innovazione”, iniziativa di ANCI Piemonte rivolta alla pubblica amministrazione che innova.

A sostenere la quarta edizione del premio ci saranno anche il gruppo SMAT (Società Metropolitana Acque Torino), leader nel campo del servizio idrico integrato, e l’ANFoV, l’Associazione per la Convergenza nei Servizi di Comunicazione.

“L’ampliamento della fitta rete dei partner – commenta il presidente di ANCI Piemonte e sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro – premia il nostro impegno di questi anni e ci consente di allargare i nostri orizzonti aggiungendo nuovi contenuti al Premio. Si tratta di un riconoscimento importante per tutta l’associazione e, in particolare, per il vicepresidente Michele Pianetta, il quale ha creduto fin dall’inizio nel successo dell’iniziativa. Piemonte Innovazione è un progetto unico nel suo genere, che già l’anno scorso ANCI nazionale ha voluto portare alla ribalta dell’assemblea di Arezzo”.

“In un anno difficile per i Comuni piemontesi, provati sia dall’emergenza sanitaria sia da quella climatica – aggiunge il vicepresidente di ANCI Piemonte, Michele Pianetta –, il premio ‘Piemonte Innovazione’ prova a lanciare un messaggio diverso, manifestando un’attenzione particolare al tema della sostenibilità ambientale. In tal senso, si colloca la partnership di un player importante come Smat, impegnato quotidianamente sul fronte della protezione dell’ambiente e della risorsa idrica”.

Fra erogazioni economiche e servizi, il montepremi complessivo supera i 40mila euro. “Si tratta di un segnale importante in una fase particolarmente delicata per i Comuni – conclude Pianetta –. Da qui la decisione di riaprire il bando ampliandone ulteriormente l’offerta. Ringrazio ANFoV per il prezioso supporto nell’attività di promozione e diffusione che ci consentirà di incrementare ulteriormente le candidature”.

Le candidature sono aperte a Comuni, Unioni di Comuni, Province, Città metropolitana ed enti gestori delle funzioni socio-assistenziali operanti sul territorio regionale. Tutte le info e i dettagli sono disponibili sul sito dedicato (clicca qui).