Mondovì, è morto l’ex consigliere comunale e campione di bocce Luigi Bonadio

Classe 1939, era stato anche dirigente del settore produttivo della "Valeo". Domani pomeriggio i funerali nella chiesa del rione Ferrone

Sono ore di profondo cordoglio quelle che sta vivendo la città di Mondovì a causa della morte di Luigi Bonadio, ex consigliere comunale negli anni Novanta tra le fila della maggioranza dell’allora sindaco, Michelangelo Giusta, e campione di bocce, sport nel quale si è attestato su livelli davvero elevati, portando la Nazionale a un quinto posto al Mondiale.

L’uomo, classe 1939, combatteva da tempo contro la malattia e si è spento nelle scorse ore presso l’ospedale “Regina Montis Regalis”.

In passato è stato anche dirigente del settore produttivo della “Valeo”, posizione acquisita mediante un autentico cursus honorum all’interno della sede monregalese del colosso dei ricambi per auto: iniziò da semplice operaio, per poi arrivare, con il duro lavoro e la fatica, sino ai vertici dell’azienda.

In queste ore il Comitato regionale del Piemonte della Federbocce ha espresso il proprio cordoglio per la scomparsa di Luigi Bonadio, ricordato come un “valente accostatore di alto livello. Ha vestito la maglia azzurra in competizioni internazionali. Per il suo comportamento in campo e fuori è stato sicuramente un signore del nostro sport”.

Il rito funebre dell’ex Sottufficiale degli Alpini (e Ufficiale al merito della Repubblica italiana) avrà luogo alle 15 di domani, sabato 10 ottobre, presso la chiesa del rione Ferrone a Mondovì. Bonadio lascia la moglie, Angiolina Prato, le figlie Silvia ed Elena con il genero Paolo Boietti e il nipotino Francesco.