“-Gesù +Maria”: l’appello di Radicali Cuneo per legalizzazione cannabis e laicità stato

"Non ce l'abbiamo con la religione Cattolica, anzi. Crediamo in uno Stato laico, in cui tutte le religioni siano messe sullo stesso piano, senza interferire con gli affari del Paese"

Cuneo. In vari punti della città, Radicali Cuneo ha affisso dei manifesti intitolati “-Gesù +Maria” e che riportano la dicitura “la cannabis è già libera rendiamola legale”. “Si tratta di manifesti, indubbiamente provocatori, che tentano di lanciare due messaggi ben precisi: il primo inerente la legalizzazione della Cannabis, ed il secondo la laicità dello Stato” precisa in una nota Radicali Cuneo.

“​Anzitutto – si legge ancora – prevedendo le polemiche che il nostro manifesto solleverà, è bene sottolineare come noi Radicali non ce l’abbiamo con la religione Cattolica, anzi. Crediamo in uno Stato laico, in cui tutte le religioni siano messe sullo stesso piano, senza interferire con gli affari del Paese. Il motto “libera Chiesa in libero Stato” oggi, a 150 anni dalla Breccia di Porta Pia, è indubbiamente molto attuale. Pensiamo che i Patti Lateranensi dovrebbero essere cancellati, che l’8×100 debba essere riformato, che i rapporti Stato/ Chiesa Cattolica siano totalmente da rivedere, che l’Insegnamento della Religione Cattolica a scuola sia da abrogare e che le tante interferenza del Vaticano, anche e soprattutto sui temi di diritti civili come il divorzio, l’aborto, la legalizzazione della cannabis, l’eutanasia, i matrimoni egualitari, siano da combattere drasticamente. Questo manifesto non è un insulto alla Chiesa, ma un urlo disperato di noi che da decenni volgiamo uno Stato che applichi davvero i principi costituzionali di laicità dello Stato”.

L’associazione cuneese spiega infine i motivi dell’appello: “Perché proponiamo la legalizzazione della Cannabis? Il secondo messaggio che vogliamo lanciare con questa affissione è molto chiaro: riguarda la legalizzazione della Cannabis. A distanza di anni dalla presentazione al Parlamento della nostra Proposta di Legge di iniziativa popolare sulla legalizzazione, ancora nulla si è effettivamente mosso”.

Chi volesse sottoscrivere l’iniziativa può farlo QUI.