DIRETTA VIDEO – Nuovo DPCM, conferenza stampa Conte: chiusura bar e ristoranti alle 18, no coprifuoco. Stop a fiere, eventi, congressi

Il premier illustra le misure restrittive in vigore da domani sino a martedì 24 novembre

Alle 13.30 avrà inizio la conferenza stampa del premier Giuseppe Conte, che illustrerà alla nazione le misure anti-Covid contenute nel nuovo DPCM, sottoscritto nottetempo.

Fra quelle che fanno più discutere, figura senza dubbio la chiusura anticipata di bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie alle 18.

Segui le parole del presidente del Consiglio in diretta su Cuneo24.it.

LA DIRETTA

13.30 – Qualche istante di ritardo rispetto all’orario di inizio indicato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

13.32 – Fra le misure introdotte con il nuovo DPCM, dovrebbe esserci anche la chiusura di palestre e piscine, contro la quale tanti politici monregalesi si erano espressi nei giorni scorsi, dal consigliere regionale Paolo Bongioanni all’assessore comunale di Mondovì Luca Robaldo.

13.35 – Ha inizio la conferenza stampa di Conte: l’obiettivo è quello di contenere la curva epidemiologica ed evitare un nuovo lockdown.

LE MISURE

Bar, gelaterie, pasticcerie e ristoranti chiuderanno alle 18, festivi compresi. Dopo le 18 potranno effettuare solo consegne domicilio o asporto.

Ai tavoli dei ristoranti potranno sedere 4 persone al massimo, salvo che non si tratti di nuclei familiari più numerosi.

Vietato consumare bevande alcolici nelle strade e nelle piazze dopo le 18.

Chiudono sale bingo, da ballo, discoteche, parchi divertimenti, teatri, cinema, sale da concerto, palestre e piscine.

Restano aperti i musei.

Stop a festeggiamenti conseguenti a cerimonie civili o religiose.

Convegni e congressi solo a distanza, sospese tutte le fiere anche internazionali e nazionali.

Stop a tutte le competizioni sportive, tranne che a livello nazionale.

Scuole secondarie di secondo grado: sarà incrementata la didattica a distanza almeno del 75%.

Sarà incentivato il ricorso allo smart working nella p.a. e lo raccomandiamo fortemente nelle aziende private.

Nessun coprifuoco, ma gli spostamenti sono consentiti solo per motivi di lavoro, di salute, di studio e di necessità e si raccomanda di evitare di ricevere persone non appartenenti al nucleo familiare.

Sono già pronti gli indennizzi per coloro che saranno duramente colpiti da queste norme. I ristori arriveranno direttamente sul conto corrente dei diretti interessati con bonifico bancario attraverso l’Agenzia delle Entrate. Si tratta di nuovi contributi a fondo perduto, di un nuovo credito d’imposta per gli affitti commerciali. Saranno confermate la cassa integrazione e l’indennità mensile una tantum per gli stagionali del turismo e i lavoratori dello spettacolo e dello sport. Sostegno anche alla filiera alimentare. Cancellata la seconda rata IMU.