DIRETTA VIDEO – Nuovo DPCM, Conte: stop a sagre e fiere locali e congressi. Lezioni scolastiche in presenza, ancora in bilico palestre e piscine

Attesa per le nuove misure restrittive contenute nel decreto che sarà illustrato questa sera

Parlerà alle 21.30 in conferenza stampa il premier Giuseppe Conte, per illustrare agli italiani il nuovo DPCM.

Segui su Cuneo24.it la diretta testuale.

“Questo provvedimento dovrà consentirci di affrontare questa nuova ondata di contagi che sta investendo l’intera Europa. Non possiamo perdere tempo e dobbiamo mettere in campo tutte le misure necessarie per scongiurare un nuovo lockdown, che comprometterebbe severamente l’intero tessuto economico”.

I sindaci potranno disporre la chiusura al pubblico dopo le 21 di vie e piazze dove si creano assembramenti, consentendo l’accesso a negozi o abitazioni.

Tutte le attività di somministrazione sono consentite dalle 5 alle 24 se il consumo avviene ai tavoli. In caso contrario, è permessa la somministrazione solo fino alle 18. Le consegne a domicilio non hanno vincoli d’orario. L’asporto è tollerato fino a mezzanotte.

Introdotto il limite massimo di 6 persone al tavolo al ristorante, con i ristoratori che dovranno affiggere all’esterno dei locali la capienza massima.

Nelle sale gioco, sale scommesse e sale bingo, l’apertura sarà limitata sino alle 21.

Le attività scolastiche continueranno in presenza. Per le scuole secondarie di secondo grado, verranno favorite modalità ancora più flessibili di organizzazione dell’attività didattica, con ingresso degli alunni dalle 9 e lezioni pomeridiane. Le università dovranno adottare la didattica in ossequio all’evoluzione del quadro pandemico.

Vietato lo sport da contatto a livello amatoriale, non consentite gare e competizioni dilettantistiche. Sì alla pratica dello sport individuale e dell’attività sportiva a livello professionistico.

Vietate sagre e fiere locali, mentre non sarà introdotto nessun vincolo per quelle nazionali e internazionali.

Sospese le attività convegnistiche e congressuali, che saranno consentite solo a distanza. Nella pubblica amministrazione tutte le riunioni si svolgeranno a distanza.

Sarà incrementato lo smart working, con un provvedimento del ministro monregalese Fabiana Dadone.

In questa settimana saranno valutate le attività nelle palestre e nelle piscine: saranno chiuse tra 7 giorni se non saranno rispettate le prescrizioni.

Conte: “Chiederemo sacrifici economici agli operatori coinvolti da queste misure: c’è l’impegno del Governo a ristorarli. Non ci sarà una chiusura come in primavera, quando non eravamo in grado di fare test e controlli su larga scala. Abbiamo aumentato di 34mila unità il personale sanitario e più che raddoppiato i posti in terapia intensiva e sub-intensiva. Distribuiremo altre 1600 attrezzature alle Regioni per queste ultime. Produciamo 20 milioni al giorno di mascherine chirurgiche”.

“Prestiamo e continueremo a prestare massima attenzione alle persone con disabilità e alle loro famiglie. Siamo consapevoli delle difficoltà che stanno attraversando, saremo sempre vicini ai loro bisogni”.