Dalle Americhe a Prato Nevoso, con la testa nel pallone: il sogno italiano dei ragazzi di “Palestra Tre Valli”

Da lunedì 19 ottobre venticinque calciatori provenienti dagli USA, dal Brasile e dalla Francia si alleneranno nella località sciistica del Monregalese (e a Mondovì), per poi disputare alcuni test amichevoli contro squadre del territorio. L'obiettivo? Firmare un contratto e giocare nel Belpaese

Hanno riempito le loro valigie di sogni e speranze, di passione e sacrificio. Per alcuni di loro è un vero e proprio spartiacque di vita: c’è addirittura chi ha investito tutto ciò che aveva, anche i beni di famiglia, per scommettere su se stesso. Una sfida da dentro o fuori, come quelle che presto si augurano di giocare con indosso la divisa di una squadra italiana. Con un’unica eccezione: questa volta la sconfitta non può nemmeno essere contemplata.

Comincia da Prato Nevoso, celebre stazione sciistica del Mondolé Ski, la rincorsa al calcio che conta di venticinque ragazzi provenienti da Stati Uniti d’America, Brasile e Francia. Un’opportunità offerta dal progetto “Palestra Tre Valli”, ideato dalla società calcistica villanovese presieduta da Marino Chiera e portato avanti dai responsabili Danilo José Cappovilla e Victor Pucinelli (quest’ultimo giocatore della Prima Squadra gialloblù).

I giovani, tutti calciatori Under 23 (ad eccezione di un “fuoriquota” del 1992), inizieranno ad allenarsi dalla mattinata di lunedì 19 ottobre, pur essendo arrivati nel Belpaese da due settimane, nelle quali però hanno dovuto osservare i 14 giorni di quarantena, come previsto dalle disposizioni ministeriali.

Le sessioni di allenamento settimanali saranno cinque: tre si svolgeranno a Prato Nevoso, due a Mondovì, presso i campi della Valeo. Poi, dopo una decina di giorni, sarà fissata la prima di una serie di amichevoli, che porteranno la rappresentativa ad affrontare compagini locali di Promozione, Prima e Seconda Categoria, di fronte agli occhi attenti degli osservatori del Tre Valli e di altre società, presenti a bordo campo o in tribuna per scovare nuovi talenti.

L’avventura italiana, per loro, si concluderà il 20 dicembre e, in questi due mesi rimanenti, frequenteranno anche un corso pomeridiano di italiano a Mondovì, per prendere confidenza con il nostro idioma. “I primi allenamenti saranno condotti interamente in lingua portoghese e inglese – confida Victor Pucinelli, tra i fautori del progetto –. Il nostro auspicio è quello di poter regalare a queste persone un sogno da vivere non soltanto oggi, ma anche domani, e far sì che le loro ambizioni di carriera possano trovare compimento”.

“Palestra Tre Valli” (contatto di riferimento: 371/3405137) riprenderà poi a gennaio, con un secondo gruppo di atleti in arrivo dalla Colombia, dall’Argentina, dal Brasile, dall’Africa e da altri Paesi europei.

Destini che si intrecciano, storie che si fondono, obiettivi che coincidono. Sognando un avvenire nel mondo del pallone nostrano, con Prato Nevoso come denominatore comune.