Cuneo, concluso il Festival dell’Innovazione di Great Innova

Per favorire la sostenibilità ambientale, economica e sociale occorre ripartire dalle persone

Quattordici talk con altrettanti speakers di assoluto livello nel campo dell’imprenditoria, della res publica e del sociale dedicati ai tre pilastri imprescindibili dell’innovazione quali la sostenibilità sociale, economica e ambientale. Oltre 100 persone intervenute e la convinzione che essere innovativi è un compito sempre più arduo, che deve necessariamente partire dal potenziale delle persone, accompagnandole nella ricerca della sintonia dei processi e nell’ottica dello sviluppo virtuoso di territori, persone e aziende. Sono i numeri e le considerazioni che hanno decretato il successo di “#Beyond. Il potere dei valori”, tema della nuova edizione del Festival dell’Innovazione “Great Innova”, la rassegna per i territori non metropolitani promosso dall’associazione Great Innova senza scopo di lucro svoltasi a Cuneo venerdì 9 e sabato 10 ottobre. L’evento si è arricchito dell’intervento del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano, che ha aperto i lavori nella giornata clou di sabato 10.

“Eventi come Great Innova sono molto importanti – ha sottolineato il Ministro nel suo discorso -. Per due ragioni. La prima è che Great Innova è un appuntamento che si indirizza verso territori non metropolitani, in secondo luogo perché con questa tipologia di eventi si crea l’ecosistema adeguato per far crescere la consapevolezza e l’interesse su temi importanti per lo sviluppo e la crescita del nostro Paese. Digitalizzazione, utilizzo dei nuovi strumenti, consapevolezza nell’accesso ad internet, visione verso le nuove opportunità sono utili per formare i nostri cittadini e far crescere il nostro Paese, facendo maturare quella che noi chiamiamo l’economia del digitale”.

“Occorre ripartire dalle persone parlando di innovazione attraverso la sostenibilità ambientale, economica e sociale – ha dichiarato Cristian Ranallo, presidente di Great Innova e ideatore del Festival -. Archiviamo questa edizione ricca di idee incredibili con soddisfazione: la tecnologia digitale ancora una volta è stato il collante che ha fatto ritrovare le persone al centro con la voglia di pensare all’innovazione come elemento imprescindibile per il futuro. Si è parlato di progetti sociali, di idee per salvaguardare l’ambiente anche insieme ai ragazzi e riscatti territoriali. L’energia che si è percepita è stata davvero tanta, siamo felici di aver ricevuto così tanta attenzione dal Ministero dell’Innovazione e da attori di rilievo che unita ai grandi sforzi del nostro team di volontari ha reso questo evento indimenticabile. Presto ci rimetteremo di nuovo in marcia verso la prossima edizione di Great innova 2021”.

La due giorni ha avuto un suo prologo nella giornata di venerdì 9 ottobre alla Casa del Fiume di Cuneo dove sono stati protagonisti alcuni studenti delle scuole del cuneese, messisi alla prova in un laboratorio scientifico che li ha portati a riflettere sui cambiamenti climatici in atto.

Hanno preso parte a Great Innova 2020 Valentina Lanza (Communication manager di Fico), Luca Meini (Head of circular economy – Enel holding), Alessandro Giaume (Innovation director di Ars et Inventio – BIP), Francesca Folda (Global communication director di Amani institute), Lorenzo Giorgi (Founder di Glocal Impact Network), Marco Pironti (Assessore innovazione e Smart City Città di Torino), Silvia Cantarella (Founder di Profiter), Uljan Sharka (CEO di Igenius), Viviana Pinto (EdTech Specialist & Robotica Educativa), Massimo Canducci (Chief Innovation Officer di Gruppo Engineering), Elena Ferrero, Argìa Galliano e Elena Elia (Social Innovation Teams), Giulia Pettinau (CEO di Orangogo), Elena Avenati (Private Sector and SDGs Advocacy Manager in Save the children), Francesco Biacca (Founder di Evermind).