43 casi di Coronavirus a Carrù, focolaio presso la casa di riposo “Don Garneri”

Il sindaco, Nicola Schellino, precisa: "Gli ospiti e gli oss risultati positivi non presentano sintomi di rilievo". Due persone ricoverate in ospedale

“Alla data odierna, stante ai dati fornitimi dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, risultano positivi al Coronavirus 43 persone residenti o domiciliate in Carrù. Tale numero risulta essersi incrementato in seguito ad un focolaio riscontrato presso la residenza per anziani ‘Don Luigi Garneri'”.

Questo è l’annuncio, decisamente poco felice, effettuato nella mattinata di oggi, domenica 18 ottobre, dal sindaco di Carrù, Nicola Schellino, a mezzo social. Una notizia affatto piacevole, seguita però da un’importante rassicurazione: “Tengo a sottolineare che gli ospiti e gli oss risultati positivi non presentano sintomi di rilievo. La situazione è sotto controllo e si sta provvedendo a predisporre ogni accorgimento utile”.

“Sulla base dei dati in mio possesso – ha proseguito il primo cittadino –, preciso che una sola persona si trova domiciliata presso una struttura per anziani sita al di fuori dal territorio del Comune di Carrù e altre 3 stanno seguendo il decorso presso la propria residenza o domicilio dichiarato in Carrù, mentre due sono state trasferite nei giorni scorsi in ospedale e si trovano in condizioni stabili”.

Infine, un monito rivolto alla cittadinanza intera: “Vista la recrudescenza dell’epidemia, raccomando la massima accortezza e attenzione nel rispetto delle prescrizioni che sono state stabilite dallo Stato e dalla Regione Piemonte”.