Demonte, Don Fabrizio a casa dopo il ricovero per Coronavirus

"Grazie al personale sanitario e agli amici che mi hanno scritto: ora è tempo di studio, lavoro e pazienza per tornare presto tra i giovani"

Demonte. E’ stato dimesso ieri, giovedì 3 settembre, Don Fabrizio Della Bella (da tutti conosciuto come “Don Bab”) dall’Ospedale Santa Croce dopo il ricovero per coronavirus. Ora è in isolamento fiduciario a Demonte.

“Ho avvertito di non sentire i sapori due giorni prima di ferragosto. In allarme per questo sintomo ho immediatamente sospeso gli incontri con chiunque e chiamato il mio medico. Il primo tampone è stato una conferma. Poi è arrivata la polmonite – commenta così Don Fabrizio –  Sono stato ricoverato e per nove giorni sottoposto a respirazione forzata. Poi, per fortuna, le cose si sono evolute in bene e sono stato trasferito dal Santa Croce al Carle. Infine, dopo venti giorni di ricovero ormai le analisi del sangue e gli altri esami confermano che la situazione è superata e stabile. D’accordo coi medici abbiamo valutato la possibilità di trascorrere il resto della quarantena in totale isolamento a casa, dove posso riprendere anche il lavoro, lo studio e magari qualche contatto in forma digitale coi giovani. In casa, per fortuna, abbiamo molto spazio e c’è una cucina che sarà il mio rifugio per i pasti. Sono molto riconoscente al personale dell’ospedale e sento un debito nei confronti di tanti, tantissimi che mi hanno fatto sentire la loro amicizia con un messaggio o, quando ho potuto parlare meglio, con una telefonata. Ora attendo, entro nel tempo della pazienza tra le mura di casa, sperando di tornare presto al lavoro nelle parrocchie e tra i giovani”.