Cuneo, riduzioni TARI: il Movimento 5 Stelle propone lo stanziamento di risorse dedicate

I consiglieri comunali pentastellati Silvia Maria Cina e Manuele Isoardi hanno preparato un ordine del giorno che sarà discusso nella seduta di martedì 22 e mercoledì 23 settembre

“Agevolazioni TARI e famiglie in momentanea situazione di disagio economico a causa della pandemia da Covid-19”: questa è la denominazione completa dell’ordine del giorno presentato dai consiglieri comunali di Cuneo Silvia Maria Cina e Manuele Isoardi (Movimento 5 Stelle) e che sarà discusso in occasione della seduta consiliare in programma martedì 22 e mercoledì 23 settembre.

“La situazione pandemica, non ancora terminata, ha generato un gran numero di problemi alla società, molti dei quali in fase di risoluzioni, ma altri sono ancora in divenire – si legge nel documento –. La situazione lavorativa nazionale e locale ne ha inevitabilmente subìto i contraccolpi, portando molte aziende a dover fare ricorso alla cassa integrazione. Le risorse (di provenienza nazionale) ad essa destinate stanno consentendo di ottenere quell’ossigeno che può permettere ai lavoratori coinvolti di non rimanere completamente sprovvisti di risorse economiche. Inoltre, il blocco dei licenziamenti ha evitato uno scenario peggiore. Il blocco scadrà alla fine dell’anno e, in questo momento, non è possibile sapere che cosa potrà succedere.

“In Commissione bilancio e ambiente – rivelano Cina e Isoardi –, in occasione della discussione sul regolamento TARI, era stato proposto dai consiglieri del Movimento 5 Stelle di porre attenzione a queste situazioni, individuando a bilancio delle risorse per poter consentire una diminuzione delle bollette dei rifiuti alle famiglie che hanno subìto una riduzione del lavoro. In tale occasione, l’assessore Manassero ha allargato la discussione, indicando che oltre ai cassa integrati occorre non dimenticare coloro che rischiano di perdere il lavoro. Sempre in tale Commissione è emerso come l’amministrazione abbia trovato risorse, circa 600mila euro, per sostenere le aziende in difficoltà. Proprio per poter intervenire a sostegno di questa fascia di cittadini che, probabilmente, non rientrano nei valori ISEE per poter ottenere uno sconto sulla bolletta, è necessario in autunno allocare adeguate risorse a bilancio. Inoltre, sarà necessario individuare la corretta modalità per consentire a coloro che hanno subìto riduzioni delle ore lavorative o la perdita totale del lavoro, di poter richiedere questa riduzione in bolletta, proporzionale al periodo non lavorato”.

Proprio per dare una risposta concreta a questa situazione, l’ordine del giorno redatto dagli esponenti pentastellati, se approvato, impegnerà il sindaco e la Giunta a individuare nel bilancio una quantità di risorse che, per quanto difficile da definire, possa rispondere a queste necessità.