Cambiano le modalità di esame per gli aspiranti cercatori di tartufi

Ancora due sessioni entro la fine dell’anno 2020 per valutare l’idoneità di un centinaio di candidati

Più informazioni su

Martedì 22 settembre seconda sessione dell’anno di esami per gli aspiranti “trifolao” che intendono praticare l’attività di ricerca e raccolta dei tartufi soprattutto nell’area di Langhe e Roero (tartufo bianco), ma anche per altre specie nel Monregalese e su tutto il territorio cuneese lungo la fascia pedemontana.

Ogni anno sono circa un centinaio le domande per partecipare alla selezione ed ottenere i tesserini che autorizzano la raccolta dei tartufi nelle zone libere. Da quest’anno le modalità di esame sono cambiate. Dal colloquio orale si è passati alla forma scritta con  20 domande a risposta chiusa a cui può seguire un orale nel caso in cui il candidato abbia sbagliato più di 5 domande.

La seconda sessione vede coinvolte 31 persone, di cui  una che arriva dalla Lombardia perchè le sessioni d’esame in quella regione sono state sospese causa emergenza Covid. L’ultima sessione dell’anno sarà martedì 24 novembre e porterà ad un totale di 98 esaminati nel 2020.  La Commissione esaminatrice per l’accertamento dell’idoneità è affidata ai tecnici del Ufficio Tartuficoltura della Provincia e alle due associazioni dei tartuficoltori della Granda.  Al superamento dell’esame di idoneità si ottiene il tesserino che è valido per 10 anni rinnovabili e che attesta il possesso dell’abilitazione alla raccolta dei tartufi su tutto il territorio nazionale. La durata del tesserino (dal 1° gennaio al 31 dicembre) è subordinata al versamento annuale della tassa di concessione regionale (140 euro) da effettuarsi entro il 30 aprile alla Regione Piemonte.

Più informazioni su