65 anni fa moriva James Dean: il documentario di tre giovani monregalesi

A ricostruire l'ultima giornata di vita dell'attore sono stati Maddalena Barale, Roberto Rossetti ed Ettore Poggi, che hanno prodotto un documentario per il blog "Coffee and History"

Diventare un’icona del cinema pur recitando in soli tre film? Si può. Lo testimonia la breve carriera dell’attore a stelle e strisce James Dean, tragicamente deceduto il 30 settembre 1955, a soli 24 anni, 7 mesi e 22 giorni d’età.

James Dean

Ricorre quest’oggi l’anniversario numero 65 della scomparsa dell’attore di un tris di pellicole di grande successo, quali “La valle dell’Eden”, “Gioventù bruciata” e “Il Gigante”, le uniche in cui riuscì a recitare prima di trovarsi al cospetto di un destino crudele.

In molti ancor oggi conservano il ricordo delle fotografie della sua Porsche incidentata, quella con cui si scontrò quasi frontalmente con una Ford guidata da uno studente 23enne, sopravvissuto allo schianto. In quel sinistro, fu proprio James Dean ad avere la peggio, spegnendosi alle 17.59. Ironia della sorte, l’ambulanza su cui viaggiava venne tamponata da un altro veicolo.

A ricostruire la sua ultima giornata di vita sono stati tre giovani monregalesi, Maddalena Barale, Roberto Rossetti ed Ettore Poggi, che hanno prodotto un documentario per il blog “Coffee and History”, nel quale raccontano nel dettaglio le ultime ore di James Dean.