200 chilometri fra castelli e chiese delle valli Pesio e Mongia: nascono gli “Usque Itinera”

La presentazione ufficiale dei percorsi avrà luogo alle 16 di domani, sabato 19 settembre 2020, presso il rifugio "La Maddalena", in località Vernagli di Montaldo di Mondovì

Duecento chilometri di percorsi che uniscono i castelli e le chiese medievali disseminati fra le valli Pesio e Mongia, “sino alla cima delle Alpi”: questi, in estrema sintesi, sono gli “Usque Itinera”, un viaggio emozionante tra secoli di storia con spiegazioni alla portata di tutti, ma frutto di anni di ricerca scientifica.

La presentazione ufficiale dei sentieri avrà luogo alle 16 di domani, sabato 19 settembre 2020, presso il rifugio “La Maddalena”, in località Vernagli di Montaldo di Mondovì.

Il progetto, sostenuto economicamente dalle Fondazioni CRC e CRT, è a cura del sodalizio “Usque ad cacumina Alpium” (fino alle vette delle Alpi, per l’appunto), promosso dal fondo storico “Alberto Fiore” in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria, Asti e Cuneo, l’università di Torino (dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Cultura Moderna e dipartimento di Studi Storici), l’Istituto Italiano dei Castelli (sezione Piemonte e Valle d’Aosta) e l’associazione “Apogea”.

All’iniziativa aderiscono i Comuni di Lesegno, Viola, Scagnello, Lisio, Battifollo, Mombasiglio, Chiusa di Pesio, Roccaforte Mondovì e le Unioni Montane del Monte Regale e della Valli Monregalesi. Esso gode del patrocinio dell’Unione Montana Valli Mongia, Cevetta e Langa Cebana.