Quantcast

Meeting nazionale di Biella: ottimi risultati per l’Atletica Mondovì – Acqua San Bernardo foto

Nessun podio, ma numerosi piazzamenti di prestigio per i portacolori della società monregalese

È andata in scena sabato 22 agosto, a Biella, l’edizione numero 16 del Meeting nazionale del Gomitolo di Lana, al quale l’Atletica Mondovì – Acqua San Bernardo si è presentata con una squadra numerosa e competitiva, distintasi a suon di prestazioni maiuscole, per la gioia dei tecnici Ferdinando Pace e Augusto Griseri.

CATEGORIA CADETTI. Rebecca Roà, all’esordio dopo il lockdown, è stata impegnata sui 300 metri cadette, dove ha chiuso al 5° posto con il crono di 45″22, molto vicina alla vincitrice Agnese Pilla prima in 44″54 (Atletica Voghera). Tra i Cadetti esordio con il botto per Zhan Jiayi, in 40″94, anche se il quarto posto che sta un po’ stretto al carrucese. In gara anche Davide Rolfi, che ha chiuso la sua fatica in settima posizione con 42″42. Entrambi poi sono stati impegnati nel salto in lungo, dove Davide è atterrato a 4,89 metri (5°), mentre Jiay si è fermato a 4,79 metri (8°). Sui 1000 metri cadette Caterina Boetti è scesa a 3’39″03, proseguendo nel suo percorso di crescita, mentre tra i maschi Filippo Curti ha concluso al 5° posto in 2’53″41 trascinando al personal best Tommaso Bosio con 3’08″92 e Pietro Vieno 3’14″37.

CATEGORIA RAGAZZI. Nella categoria Ragazzi si segnala il 46″41 di Federico Palladino (Poli di Carrù), con il quale è giunto quarto.

CATEGORIA ASSOLUTI. A livello assoluto sui 1.500 metri, ottima prestazione per la new entry Alberto Boetti che abbatte il suo precedente limite personale portandosi a 4’13″14; per lui la soddisfazione dell’ottavo posto (4° Junior), ma di vincere la seconda batteria per distacco, con una volata lunga lanciata al giro finale e il minimo per i campionati italiani sempre più vicino. Maiuscola anche la prova di Eugenio Bonelli finito nella terza serie che ha corso in testa solitaria dal primo all’ultimo metro con il cronometro fermato a 4’21″84: per lui ottimo 16° a fronte degli oltre 50 partenti. In gara con gli assoluti anche l’allievo Marco Galliano, che ha completato la sua fatica in 4’49″01.